Patto per il futuro: «Pd poco credibile, loro hanno affossato Gustatus»

ORBETELLO – «Il successo di Gustatus che dallo scorso anno è stato rilanciato in grande stile dall’attuale Amministrazione Casamenti sta provocando una crisi di nervi all’opposizione». A parlare è la lista Patto per il Futuro che prosegue: «Prima la figuraccia che ha rimediato Sinistra italiana con le accuse all’Amministrazione comunale ed Alberghiero per la mancata partecipazione a Gustatus di quest’ultimo; l’Alberghiero ha provveduto a smentire ogni singola parola di Sinistra italiana rispondendo e chiarendo gli ottimi rapporti di collaborazione tra Comune e scuola e i motivi della mancata partecipazione dovuti solo e soltanto a problemi burocratici interni».

«Poi il Pd che evidentemente ogni tanto scrive per far vedere che esiste ancora e non sa neanche di cosa parla. Infatti le aziende vinicole sono aumentate, la manifestazione è stata grandiosa con cittadini e turisti felici. E’ singolare però che chi ha affossato in cinque anni di legislatura la manifestazione Gustatus non dando adeguato supporto al consorzio Welcome oggi abbia anche il coraggio di criticare l’attuale Amministrazione comunale che invece dallo scorso anno ha rilanciato la manifestazione, che sta pian piano ritornando ai livelli di quando era nata dodici anni fa – prosegue Patto per il futuro -. Ci riferiamo in particolar modo al nuovo segretario del Pd Mauro Barbini che è stato importante assessore comunale proprio quando la manifestazione Gustatus ha avuto una crisi preoccupante con forti critiche per la perdita di importanza e partecipazione. Infatti  nonostante il grandissimo impegno degli organizzatori, i medesimi erano poco supportati dalla precedente Amministrazione comunale. Sentire il segretario Pd Barbini, che ha contribuito all’affossamento della manifestazione quando amministrava, criticare chi la sta invece rilanciando la dice lunga della crisi che sta vivendo il Pd locale dove in un “tutti contro tutti” si critica  a prescindere dimostrandosi poco credibili».

Commenti