Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vigili si calano nel pozzo per salvare una persona. Parte l’addestramento Saf. TUTTE LE FOTO fotogallery

Più informazioni su

GROSSETO – Utilizzare al meglio tutte le procedure Saf (Speleo Alpino Fluviale) e simulare allo stesso tempo il grado di operatività delle squadre di soccorso per raggiungere alcune persone cadute all’interno di un pozzo in una zona boscosa.

E’ iniziato così l’addestramento di diciotto uomini del personale dei Vigili del Fuoco e dei distaccamenti di Grosseto, che sono stati messi alla prova in un ambiente impervio e con la necessità di salvare le persone cadute nel pozzo nel minore tempo possibile, ma in piena sicurezza operativa. La tecniche Saf utilizzate per questo intervento sono state quelle di livello 1A di base. La zona scelta per la missione di soccorso è stata individuata a Montorsaio nel comune di Campagnatico ed ha mobilitato le squadre Saf per l’intera giornata. Le squadre dei Vigili del Fuoco si sono alternate in due gruppi distinti ed hanno partecipato in orari differenti in modo da mantenere operativo il dispositivo ordinario di soccorso.

Nel “Pozzo Giovanni” scelto per l’esercitazione ha operato durante la mattina il primo gruppo, subito raggiunto nel pomeriggio dal secondo, utilizzando le stesse manovre. La difficoltà di questa operazione di soccorso simulata era quella di mettere in opera le tecniche Saf acquisite nei corsi precedenti, utilizzandole in un ambiente esterno. La grotta pur non presentando grosse difficoltà tecniche è servita perfettamente per l’addestramento Saf 1A. Naturalmente per i livelli più elevati,1B 2A 2 B, le difficoltà che bisogna ricreare sono molto più difficili e complesse. Importante sottolineare come l’addestramento in ambiente extraurbano sia propedeutico a tutta una serie di situazioni e difficoltà che si presentano durante l’esercitazione, come per esempio la conoscenza del territorio, le comunicazioni radio e/o telefoniche, la guida di mezzi fuoristrada in un zona impervia e non ultimo coordinare il lavoro delle squadre di soccorso e farle operare in perfetto affiatamento fra di loro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.