Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Turismo sostenibile: al Parco si impara a guidare risparmiando benzina e inquinamento

GAVORRANO – Appuntamento domani, 26 settembre (dalle 15,00 alle 19,00) al centro congressi del Parco delle Colline Metallifere, ai Bagnetti di Gavorrano, per il corso di Eco Driving, la guida ecologica ed economica.

Si tratta di un’iniziativa che per la prima volta viene organizzata da un parco nazionale o da un’area protetta e rientra tra le azioni della Carta europea del turismo sostenibile (Cets) ottenuta dal Parco delle Colline Metallifere.

Il corso è realizzato in collaborazione con la “Fondazione sviluppo sostenibile”, l’ente presieduto da Edo Ronchi, che organizza in Italia gli “Stati Generali della Green Economy”.

Come docente arriverà a Gavorrano per la Fondazione il suo docente “senior” Enrico Bardi, mentre prima dell’inizio delle lezioni sarà presente al centro congressi anche Michela Negri che raggiungerà Gavorrano da Milano con un’auto elettrica per illustrare la proposta di attivazione di colonnine elettriche (E-way) per la ricarica di veicoli elettrici. Michela Negri, dell’azienda Route 220, presenterà anche la proposta di un portale turistico dedicato al nord europa per clienti, turisti e viaggiatori che si muovono con veicoli elettrici.

A seguire il progetto del corso per per il Parco di sarà Fabrizio Santini, ideatore dell’iniziativa, responsabile del monitoraggio e implementazione della Carta Europea per il Turismo Sostenibile che lavora da anni per contribuire ad uno sviluppo sostenibile del territorio.

Il corso: che cosa l’eco driving – Il corso è aperto a dieci partecipanti e ci sono ancora alcuni posti disponibili. Con il metodo insegnato durante il corso si risparmia il 20% di consumi, dunque di soldi, dunque di emissioni di CO2. Si tratta insomma di una delle buone pratiche che si va ad aggiungere all’impegno che da anni il Parco delle Colline Metallifere mette in campo per diventare “bike friendly” e per promuovere anche percorsi di trekking o a cavallo come il progetto della “Via di Francia”. Il corso si basa sul metodo che prevede l’utilizzo dei simulatori di guida ed è unico in Italia.

Per info: +39 339 54 23 070

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.