Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Beni culturali, scienze agroalimentari e blueconomy: la Scuola Normale Superiore a Follonica

Il  Comune di Follonica, l Scuola Normale Superiore e la Regione Toscana inaugurano gli spazi della Fonderia n.1 destinati ad attività didattiche e di ricerca. Interverranno  il sindaco Andrea Benini, il Direttore della Scuola Normale Superiore, Vincenzo Barone e il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi.

FOLLONICA – Dopo aver siglato un accordo di collaborazione tra Normale di Pisa e  Comune  di Follonica, il 23 settembre, alle ore 12,00 alla Fonderia 1, si terrà la presentazione del programma  e delle attività  congiunte nel settore dei beni culturali, delle scienze agroalimentari e della blueconomy.

L’accordo, di durata quinquennale, sarà presentato dal Direttore della Normale Vincenzo Barone, dal sindaco Andrea Benini e dal Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

“Vogliamo metterci a disposizione del territorio – commenta il prof. Vincenzo Barone, Direttore della Scuola Normale – e condividere alcune nostre competenze scientifiche con le imprese e con il tessuto sociale. La Normale non è un ente chiuso in sé stesso, come troppe volte viene vista, ma un istituto di ricerca che interagisce sempre di più con gli attori che la circondano e questa collaborazione con il Comune di Follonica ne è una prova tangibile. L’idea di poter organizzare a Follonica alcune attività didattiche come i corsi di orientamento destinati agli studenti di tutta Italia, o la formazione degli insegnanti, oppure le summer school estive dottorali o post dottorali in uno scenario come l’Alta maremma, si inserisce nella tradizione della Normale di valorizzare perle paesaggistiche toscane, con  opportunità di sviluppare costruttivi  progetti e collaborazioni”.

“Finalmente torna alla vita un altro spazio – dice il sindaco Andrea Benini –  inserito  nel maestoso progetto di recupero dell’area ex Ilva,  che ha riportato alla città strutture e servizi come il Teatro Fonderia Leopolda, il Museo Magma e il Parco centrale. Grazie alla prestigiosa collaborazione con la Normale di Pisa, anche la Fonderia 1 acquisterà  una  propria funzione ed identità, divenendo polo multimediale per studi riguardanti l’agroalimentare,  i beni culturali e la  blueconomy, sede distaccata dell’Università.

Vogliamo condividere questo importante  momento con tutta la città, che invito a partecipare”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.