Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

‘L’ultimo scampolo di umanità': a Grosseto l’incontro su caporalato e nuove schiavitù

L'iniziativa è organizzata dall’Associazione culturale Officina Hermes. Incontro con Yvan Sagnet. Le cause, gli effetti e le soluzioni possibili. Appuntamento 22 settembre 2017, ore 17.00 Fondazione Il Sole, V.le Uranio 40 a Grosseto

Più informazioni su

GROSSETO – L’Associazione culturale Officina Hermes presenta, venerdì 22 settembre 2017, alle ore 17.00, presso Fondazione Il Sole di Grosseto, l’incontro con Yvan Sagnet sul tema del caporalato agricolo e delle nuove forme di schiavitù nel lavoro. Nel corso dell’incontro, l’autore introdurrà i libri Ama il tuo sogno. Vita e rivolta nella terra dell’oro rosso (Fandango 2012) e Ghetto Italia. I braccianti stranieri tra caporalato e sfruttamento, scritto in collaborazione con Leonardo Palmisano (Fandango 2015).

La storia di Yvan Sagnet è la storia di un bambino camerunense che si innamora dell’Italia attraverso il calcio. Nel 2007, finalmente Yvan riesce a realizzare il suo sogno di vivere in Italia: ottiene una borsa di studio e si iscrive al Politecnico di Torino. Poi, per finire di pagarsi gli studi, nell’estate del 2011 decide di andare a lavorare nelle campagne salentine, precisamente a Nardò, nella masseria di Broncuri, alla raccolta dei pomodori. Qui conosce sulla propria pelle un Paese ben diverso da quello che aveva idealizzato: il lavoro massacrante, in condizioni di schiavitù vera e propria, la spietatezza dei caporali, i ricatti, la sofferenza. Dopo l’ennesimo sopruso, Yvan si ribella e si fa promotore di una rivolta collettiva, diventando il leader del primo sciopero dei braccianti stranieri e portando la sua protesta all’attenzione dei media.

A seguito dell’azione di Sagnet, la magistratura apre un’indagine che condurrà all’arresto di 16 persone appartenenti a un’organizzazione criminale attiva tra Rosarno, Nardò e altre città della Puglia.
In virtù del suo impegno, nel febbraio di quest’anno Yvan è stato insignito Cavaliere della Repubblica italiana dal presidente Mattarella “Per il suo contributo all’emersione e al contrasto dello sfruttamento dei braccianti agricoli”.

Ad aprile, poi, insieme ad altri attivisti italiani e stranieri, Yvan ha dato vita all’Associazione NoCap, la rete internazionale anti caporalato (www.nocap.it).

Con l’autore intervengono Claudio Renzetti e Pier Paolo Micci (CGIL – FLAI CGIL Grosseto), l’On. Luca Sani e Paolo Bertini (Unicoop Tirreno).
Modera l’incontro: Massimiliano Frascino (giornalista freelance).

Ingresso libero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.