Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Girogustando, a Grosseto gli chef di Vetrina Toscana per menù a quattro mani

GROSSETO – Marina di Grosseto e Porto Santo Stefano, il Parco della Maremma e Pitigliano, e poi Siena, Lucca, Viareggio e Livorno. Sarà un vero tour nella gastronomia di qualità quello che offrirà la prima edizione maremmana di Girogustando. Dopo il successo di Siena, dove si è giunti già alla 16sima edizione, Girogustando arriva in provincia di Grosseto.

Quattro appuntamenti “a quattro mani” con i ristoranti di Vetrina Toscana. Il format, studiato da Confesercenti, prevede un ristorante ospite, quello locale, e uno chef da fuori provincia. Il fine è quello di valorizzare prodotti locali di qualità. L’iniziativa, voluta da Confesercenti e organizzata con la collaborazione di Vetrina Toscana (di cui fanno parte tutti gli otto ristoranti), Camera di commercio della Maremma e del Tirreno, Unioncamere e Cat Confesercenti, prenderà avvio venerdì 29 settembre, quando il ristorante “Brezzi”, di Marina di Grosseto, ospiterà l’”Aragosta” di Livorno.

Il secondo appuntamento di Girogustando nei borghi di Maremma, il 5 ottobre, si terrà a “La Fontanina” di Porto Santo Stefano, con lo chef di “Sorsi e Bocconi” di Viareggio. Il 18 ottobre invece ci si sposterà nel Parco della Maremma, ad Alberese, nel ristorante “Il Melograno” che ospiterà “I Diavoletti” di Capannori, Lucca. E infine, il 24 novembre, il ristorante “Il tufo allegro” a Pitigliano ospita il “Gallo Nero” di Siena.

Un’occasione per assaggiare, in collaborazione con i produttori locali, gusti a volte sconosciuti, valorizzando i prodotti locali: protagonisti il pesce e i legumi, le castagne, l’olio e ovviamente il vino, le cui proprietà e gli abbinamenti saranno spiegate da sommelier Ais.

«Quello che vogliamo è puntare sull’enogastronomia locale, di qualità e di stagione – afferma il presudente della Confesercenti Giovanni Caso -, anche in contrapposizione alle tante sagre che rischiano di abbassare il livello gastronomico della nostra provincia».

«L’enogastronomia è particolarmente importante – gli fa eco Gloria Faragli – vogliamo dimostrare come, attraverso le capacità degli chef, possiamo mettere in evidenza la qualità di questo territorio, promuovendo le produzioni locali. La prima data tra l’altro vedrà ospite un ristorante di Livorno, un gesto simbolico, per dimostrare la nostra vicinanza dopo quello che è successo».

Il presidente della Camera di commercio della Maremma e del Tirreno, Riccardo Breda, aggiunge: «Siamo riusciti, in un momento di difficoltà, a dare un piccolo aiuto per realizzare una iniziativa che valorizza uno degli asset fondamentali per il turismo: l’enogastronomia. Il periodo è stato scelto bene, per cercare di fare quello che da sempre ci diciamo: ossia allungare una stagione turistica che quest’anno è andata particolarmente bene».

La manifestazione prende spunto dalla omonima Girogustando che da 16 edizioni si tiene a Siena: «Il principio è quello di mettere in relazioni le eccellenze del territorio, i prodotti. La ristorazione in questi anni è cresciuta tanto ed è un elemento di attrazione, se rientra in una filiera, anche per i turisti». Conclude Andrea Colecchia responsabile turismo di Confesercenti Siena.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.