Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Follonica nel santuario dei cetacei: tante iniziative per tutelare mare e ambiente

Durante l’ estate 2017, due importanti iniziative legate all’ambiente: “Avvistami” e “Laboratori Blu”, correlate al Santuario Pelagos e alla Bandiera Blu e realizzate in collaborazione con la Capitaneria di Porto, il Consorzio Balneari e l’Associazione Tartamare. Successo e idee per una spiaggia più pulita

FOLLONICA – L’estate 2017, ricca di iniziative , quest’anno ne ha annoverate anche due legate all’ambiente, quali “Avvistami” e “Laboratori Blu”, correlate al Santuario Pelagos e alla Bandiera Blu, realizzate in collaborazione con la Capitaneria di Porto, il Consorzio Balneari e l’Associazione Tartamare.

“Con la partecipazione di moltissimi bambini e adulti – dice l’assessore alle Politiche del Mare Alberto Aloisi – le iniziative hanno sensibilizzato e informato sul Santuario Pelagos e sulla Bandiera Blu, ma anche sul Piano Collettivo di Salvamento e la sua organizzazione. Inoltre, i bambini hanno imparato a conoscere il mondo della Tartarughe Marine e hanno attivamente partecipato alla raccolta di rifiuti in spiaggia.

L’attività di raccolta dei rifiuti è stata condotta su piccole parti di arenile, e ad essa è seguito la setacciatura del materiale e il riconoscimento dei rifiuti trovati.

La sorpresa dei partecipanti è stata che, nonostante la pulizia dell’arenile, 5 giorni a settimana, con vagliatura meccanica e installazione di circa 90 postazioni per la raccolta differenziata in spiaggia, comunque sono state rinvenute interessanti quantità di rifiuto.

“Si tratta principalmente di mozziconi di sigarette, difficili da raccogliere per le piccole dimensioni, gettati a terra con noncuranza – aggiunge Aloisi – che sono la maggior parte dei rifiuti in spiaggia. Se si pensa che la natura, per smaltire un mozzicone di sigaretta, impiega circa due anni, e che in due anni fumatore medio ne può produrre dai 5.000 ai 10.000, risulta chiaro che è necessaria una gestione strutturata di questo problema. Personalmente ho verificato direttamente la consistenza del problema nelle nostre spiagge, proprio durante le due iniziative estive. Iniziative di grande valore formativo e ambientale che hanno permesso a tutti coloro che hanno partecipato di conoscere le politiche del Comune di Follonica per la salvaguardia dell’ambiente marino.

Già nel 2016 avevamo iniziato queste attività direttamente sull’arenile e, visto il grande successo, quest’anno abbiamo deciso di confermarle coinvolgendo il Consorzio Balneari di Follonica e con l’Associazione Tartamare, con grande partecipazione di bagnanti e follonichesi.

“ Proprio per tamponare il problema – conclude l’assessora all’ambiente Mirjam Giorgieri– che arreca un notevole danno all’ambiente, già dalla prossima stagione balneare, attiveremo una campagna di sensibilizzazione studiata proprio per incentivare i fumatori ad assumere un atteggiamento più corretto, verso lo smaltimento nell’indifferenziata, a tutela della spiaggia, del mare ed anche di chi la spiaggia la frequenta, perché anche i bambini, specialmente i più piccoli, possono venire a contatto coi mozziconi, con conseguenze anche gravi. Doteremo il nostro litorale con porta mozziconi, e stiamo anche pensando alla distribuzione di porta mozziconi portatili, utili non solo in spiaggia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.