Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Siccità, Cia: «Bene l’anticipo dei premi da parte di Bruxelles»

Più informazioni su

GROSSETO – “Come Cia Grosseto accogliamo con favore l’iniziativa di Bruxelles che  ha deciso di anticipare i pagamenti comunitari  agli agricoltori  danneggiati dalla siccità di questa torrida estate e, contestualmente , di portare anche quest’anno come già avvenuto nel 2016 la prima trance al 70% del dovuto.”

Enrico Rabazzi, vicepresidente regionale e presidente grossetano Cia – Confederazione Italiana Agricoltori – commenta in questo modo la decisione del Governo Europeo e aggiunge:

“Il via libera della Commissione dimostra una sensibilità verso il nostro settore che, già sottoposto a molte difficoltà, ha dovuto sopportare un anno terribile a causa dei cambiamenti climatici. Una tragedia che ha  messo definitivamente in ginocchio gran parte delle nostre aziende e ha rovinato, anche se in modo diverso, quasi tutti i settori produttivi .

Sono 10 gli Stati dell’UE che potranno beneficiare di questa iniziativa, tra questi l’Italia e le regioni interessate come la Toscana. Secondo quanto annunciato da Bruxelles,  i nostri agricoltori riceveranno anticipi fino al 70% dei premi previsti anziché il 50 come di norma. L’esecutivo ha inoltre previsto l’erogazione del premio a partire dal 16 ottobre al 30 novembre 2017, e questo per consentire alle aziende in difficoltà di arginare,  anche se solo parzialmente,  le conseguenze di  un anno da dimenticare.

Se l’Europa ha fatto questo passo verso il nostro settore – continua Rabazzi – ora come Cia chiediamo, con forza,  che le istituzioni del nostro Paese si attivino immediatamente  e rendano possibile tale indirizzo. Per questo sollecitiamo Agea, e a seguire Artea, ad agire con tempestività affinché gli agricoltori possano davvero ricevere quando dovuto in tempi celeri e non a ridosso della naturale scadenza. Sarebbe davvero una beffa e un’umiliazione se la solita burocrazia italiana e la lentezza degli Enti pagatori dovessero  frenare questa piccola, ma importante, boccata d’ossigeno.

Siamo consapevoli” conclude il presidente “che questo non sarà sufficiente per risolvere i danni causati dalla mancanza di precipitazioni e dalle alte temperature, la siccità ha distrutto molte produzioni e le aziende poco potranno fare, ma l’anticipo dei premi consente, almeno  in parte,  di arginare il problema di liquidità di molti agricoltori, e questo potrebbe fare la differenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.