Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Anpi: «Dietro la bomba carta all’Airone c’è una matrice politica»

Più informazioni su

GROSSETO – L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia esprime «il proprio sconcerto per quanto accaduto a Grosseto nella notte tra il 2 e 3 settembre con il lancio di una bomba carta contro l’ Hotel Airone. E condannando fermamente il gesto chiede agli inquirenti di assicurare quanto prima i responsabili alla giustizia».

«E’ stato per puro caso che l’esplosione, oltre alla struttura dell’edificio, non abbia colpito eventuali passanti, ospiti o personale dell’albergo – prosegue l’Anpi che fa appello alla città – fino ad ora estranea ad atti tanto deprecabili, chiamandola a vigilare e a battersi per il mantenimento e l’ulteriore sviluppo della convivenza civile improntata ai valori del rispetto reciproco e del senso più aperto e libero di Comunità».

«Indubbiamente in quanto è stato fatto c’è una visione malata dell’agonismo sportivo – prosegue l’associazione dei partigiani -, ma ridurre la cosa a questo è chiaramente riduttivo e fuorviante, poiché l’avvenimento presenta una chiara declinazione politica, con i simboli fascisti e nazisti disegnati dagli attentatori sul muro del palazzo, i quali quantomeno rivelano una identificazione di certa tifoseria con quell’area politica. D’altronde ultimamente si moltiplicano in maniera sfacciata le esibizioni della simbologia fascista, evidentemente incoraggiate dal clima di intolleranza razzista che si respira nel Paese, senza che chi di dovere intervenga in modo adeguato, facendo rispettare la Costituzione e le Leggi vigenti».

«All’Airone è stato dimostrato quanto sia facile per qualche testa bacata ricorrere a veri e propri attentati, superando il limite nel contesto di una situazione già allarmante. Le pubbliche istituzioni, la politica, l’associazionismo, sociale e culturale, della Maremma, diano una risposta pronta e forte, all’altezza della tradizione democratica e antifascista della nostra terra, per sbarrare la strada all’imbarbarimento e per garantire a tutti i maremmani un futuro di serenità e di pace, dove il conflitto si svolga nel pieno rispetto delle regole condivise». conclude il comitato provinciale “Norma Parenti” Grosseto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.