Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

De Martis: «Il presidio anti incendio? Costa un decimo della tassa di soggiorno»

Più informazioni su

GROSSETO – «Dopo il recente Consiglio comunale straordinario sul tema degli incendi vorrei provare ‘a dare i numeri’: 354.274 e 38.000». Carlo De Martis, capogruppo Lista Mascagni in consiglio comunale a Grosseto parla del presidio anti incendi di Marina di Grosseto. «Non sono numeri della smorfia napoletana o della cabala ebraica, e non c’entra nulla neppure la successione di Fibonacci. Sono numeri assai più semplici, ma ben più concreti».

«Il primo sono i proventi dell’imposta di soggiorno disponibili nel bilancio 2016 del Comune di Grosseto, il secondo il costo per la realizzazione di un Presidio dei Vigili del Fuoco a Marina di Grosseto fino al termine della stagione estiva. Ebbene sì, con 38.000 euro, più o meno un decimo dell’imposta di soggiorno ancora disponibile, il litorale grossetano e castiglionese potrebbe disporre di un servizio di pronto intervento capace di rafforzare l’attività di prevenzione e ridurre in modo significativo i tempi di intervento in caso di incendi, quando ogni minuto può essere decisivo per salvare pineta, case, persone».

«Da lungo tempo e da più parti il Comune di Grosseto è stato sollecitato a realizzare un tale Presidio, per il quale tra l’altro sarebbero stati già definiti i profili burocratici e logistici – prosegue la nota -. Non solo: è stata già registrata anche la disponibilità del Comune di Castiglione della Pescaia, oltre che della Regione Toscana, a compartecipare alla spesa. Gli stessi operatori del settore turistico hanno espresso il loro favore ad un impiego dell’imposta di soggiorno in misure capaci di prevenire e sanare le ferite causate dagli incendi, nella consapevolezza che si tratterebbe di un investimento lungimirante, volto a preservare quel patrimonio naturalistico e paesaggistico che rende la nostra terra così unica, bella e attrattiva».

«Appare allora francamente incredibile e incomprensibile il persistente rifiuto del sindaco a fare la propria parte per realizzare il Presidio, ovvero a mettere a disposizione risorse economiche in fondo modeste per un bene così prezioso, la cui tutela, ad avviso almeno del sottoscritto, è senza dubbio prioritaria. Se il Sindaco ha invece altre priorità, avremmo piacere di conoscerle». Conclude De Martis.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.