Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Verdure che suonano, risate, film e tanto altro: ecco cosa ci sarà domani al Clorofilla

Più informazioni su

GROSSETO – Una vera e propria sinfonia dell’orto è quella in programma domani, mercoledì 9 agosto, al Clorofilla film festival nell’ambito di Festambiente, nel Parco della Maremma. Alle 19.15 nello spazio dei Tramonti nell’uliveto è in programma il Conciorto, un concerto indie-pop-veggie-funk tutto dedicato al mondo dell’orto con due musicisti d’eccellenza: Biagio Bagini (voce, chitarra) e Gian Luigi Carlone della Banda Osiris (voce, verdure, sax, flauto, elettronica). Le verdure in scena suonano, cantano, si raccontano attraverso la tecnologia di Ototo (da Arduino). Bagini e Carlone accompagnano melanzane, carote, zucchine, cetrioli dolci, con flauti traversi, sax e chitarre per dare vita a un concerto sostenibile.

Dopo le musiche dell’orto si scende allo spazio cinema per la degustazione dell’Olio dell’Antico Frantoio del Parco della coop. Rossella Casini di Firenze. Subito dopo, alle 21.00, proiezione di tre cortometraggi che hanno come tema le migrazioni: “Moby Dick” di Nicola Sorcinelli, “Amira” di Luca Lepone, “Babbo Natale” di Alessandro Valenti. A seguire “Ci vuole un fiore” di Vincenzo Notaro. Nel 2008 è nato il primo orto urbano di Roma, nel quartiere più antico della città: la Garbatella.

Il palazzo della regione Lazio, motore politico del territorio laziale, fa da sfondo a diversi spaventapasseri e alberi di vario genere che oggi coprono e arricchiscono di verde l’area sottostante, un tempo dominato da desolazione e ghiaia. Da qui prende vita il documentario “Ci vuole un fiore” che narra la lotta di semplici cittadini, per il recupero della terra, contro un’amministrazione lenta e sonnacchiosa ancorata a vecchi modelli economici che vanno a discapito del benessere del cittadino.

A fare da sfondo alle storie di Giacomo e Luigi distanti per età ma uniti dalla terra, spazio vitale per sopperire alle proprie difficoltà, sarà una Roma più introspettiva, lontano dal caos dei turisti e dei romani, una città definita: il comune agricolo più grande d’Europa. Le musiche di “Ci vuole un fiore” sono a cura del Conciorto. Ingresso: 8 euro entro le 20 – 12 euro dopo le 20. Info: cinema@festambiente.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.