Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fratelli d’Italia: «Sulle case dell’acqua il Comune si fa bello grazie alle idee degli altri»

FOLLONICA – “Finalmente il nostro comune potrà avere le proprie case dell’acqua. Una soddisfazione aver contribuito, noi di Fratelli d’Italia, in maniera fondamentale al progetto di installazione di tali strutture”. Lo scrive in una nota il circolo Fabrizio Quattrocchi di Fratelli d’Italia Follonica.

“Più di un anno fa portammo in consiglio comunale due mozioni, una per l’installazione delle case dell’acqua, un’altra per le cosiddette case del latte, approvate all’unanimità – ricorda Fratelli d’Italia –  Dopo un anno finalmente la nostra amministrazione ce l’ha fatta e il bando è pubblicato. Niente ancora sappiamo invece degli erogatori di latte crudo, queste sì una rivoluzione ancor maggiore delle case dell’acqua, poiché accorcia la filiera tra il consumatore ed il contadino, portando un latte di ottima qualità nelle tavole, e con prezzo minore per chi lo acquista.

Vorremmo però fare un piccolo avviso ai naviganti, cioè ai cittadini follonichesi, non crediate che una amministrazione inetta come questa attuale sia stata la promotrice di questa novità, l’assessore Giorgieri può vendere come propria l’idea, e come un fiore all’occhiello per l’amministrazione l’installazione di tali erogatori. Ma in realtà sappiate che dietro i proclami di questa nostra pessima classe dirigente vi è un duro lavoro delle opposizioni che cercano sempre e comunque di portare lustro alla città che rappresentiamo.

Come per una delle “location” delle Case dell’Acqua, l’assessore Giorgieri, giustamente, parla di Piazza Caduti di Nassiriya (ennesima mozione di FdI) ma che per inefficienza della sinistra non solo non è ancora stata innaugurata, ma ci è stata posta una statua “reciclata” dalla vecchia rotatoria di via Massetana segno che alla Giunta e alla sua maggioranza non importava effettivamente di commemorare i morti di quella strage, ed una targa commemorativa sbagliata”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.