Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Cinque Stelle: «Bilancio e urbanistica, l’opposizione siamo solo noi»

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Secondo il Movimento 5 Stelle di Castiglione della Pescaia è stato un consiglio Comunale “rovente”, quello di lunedì mattina.

“All’ordine del giorno, infatti – scrivono i pentastellati –  numerosi punti riguardanti sia il bilancio che l’urbanistica. Il ruolo dell’opposizione è stato svolto solo dai consiglieri 5 Stelle data la contemporanea assenza (giustificata) di entrambi i consiglieri del gruppo Dare. La discussione è iniziata con l’esposizione del programma per i prossimi due anni e la salvaguardia degli equilibri di bilancio 2017, con la capogruppo 5 stelle Benedetta Mazzini che ha contestato alcune delle scelte dell’amministrazione, evidenziando soprattutto la mancanza di un dispiego di risorse per fronteggiare l’emergenza incendi, e infine contestando l’affidamento della riscossione coattiva delle entrate comunali all’agenzia delle entrate-riscossione, un istituto che il M5S ha sempre disconosciuto, braccio di un sistema che dissangua i Comuni, mosso da un Governo Nazionale di cui non è certo il Movimento ad essere complice.

Sui punti dell’urbanistica è stata seguita invece una linea trasversale, evitando prese di posizione politiche fini a se stesse, ed è stato quindi espresso voto favorevole sia all’ampliamento e riqualificazione del Porto di Punta Ala, che al piano attuativo di iniziativa privata “Porta degli Etruschi”, due progetti che possono incentivare lo sviluppo del nostro territorio. Su tali importanti questioni è da registrarsi una spaccatura della maggioranza che non ha votato in modo unanime, ed ha trovato anche la ferma e decisa opposizione dei 5 Stelle sugli altri punti in questione.

Non è stato affatto convincente il piano attuativo denominato “Molinaccio-Poggio alle Trincee”, che prevede la concessione per la costruzione di strutture residenziali al fine di compensare errori commessi in passato, una “cementificazione” di un altro dei nostri colli che non può essere accettata solo perché sacrificio necessario per concludere un contenzioso.

Per gli stessi motivi molte perplessità sulla conclusione della annosa vicenda della Residenza per Accoglienza, l’Amministrazione non ha infatti soddisfatto le domande del gruppo 5 Stelle sul tipo di strutture che verranno concesse su tali terreni, con il rischio che sia ancora il cemento a lavare le macchie commesse nel passato. In conclusione se è comprensibile l’esigenza degli amministratori di porre fine a questi contenziosi pare troppo alto il prezzo da pagare per il nostro territorio, facendo sì che saranno i nostri figli a pagare per gli errori dei padri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.