Quantcast

Luna Park, l’opposizione compatta: «Il sindaco fa solo propaganda, non ha trovato soluzioni»

MARINA DI GROSSETO – Il giorno dopo la decisione di lasciare il Luna Park nella collocazione che ha avuto negli ultimi anni e di non spostarlo in un’altra area di Marina di Grosseto, è l’opposizione, compatta dal Pd al Movimento 5 Stelle, da Passione Grosseto alla Lista Mascagni, a evidenziare l’atteggiamento ondivago di sindaco e giunta.

«Accogliamo con soddisfazione la notizia che anche quest’anno, come da quasi 20 anni a questa parte, grazie al parere favorevole della Commissione di vigilanza per i pubblici spettacoli, il Luna park estivo potrà tenersi nell’area di via Montreuil.  Il tentativo, tardivo, dell’amministrazione comunale di trovare una collocazione alternativa, si è infatti scontrato con l’impossibilità di individuare un’altra area idonea e con la protesta della comunità di Marina, degli esercenti coinvolti nel luna park e delle opposizioni in consiglio comunale».

«Stona pertanto che il Sindaco di Grosseto voglia ora attribuirsi in via esclusiva il merito di aver lasciato il Luna Park estivo dove sta ormai da molti anni, esaltando (“Nessun altro se non noi…”) quello che altro non è se non un palese dietro front suo e della sua Giunta.
La propaganda infatti non può e non deve avere il sopravvento sui fatti».

«Ed i fatti ci dicono che nell’aprile scorso il Comune ha avviato l’iter per spostare il luna park in altro luogo (si ipotizzava l’area adiacente alle scuole medie). Le proteste che sono seguite a tale intendimento non hanno in un primo tempo sortito alcun effetto. Tanto che il 20 aprile scorso il Consiglio Comunale, nonostante le contestazioni delle opposizioni, approvava a maggioranza le modifiche al regolamento per la concessione delle aree destinate allo spettacolo viaggiante, proprio al fine di eliminare la localizzazione di via Montreuil per il luna park estivo».

«Il giorno successivo, con una nota ufficiale con la quale provava a chiudere la discussione, il Sindaco Vivarelli Colonna confermava in termini perentori la scelta di far spostare il luna park: “intendo mettere a tacere questa giostra inutile di consigli e sterili soluzioni alternative che negli ultimi giorni circolano in maniera forsennata: non è possibile mantenere l’attuale localizzazione”. Nonostante gli auspici del Sindaco, la discussione e le proteste proseguivano e la questione approdava nuovamente in Consiglio comunale nella seduta del 19 maggio grazie ad una mozione di M5S. È in quell’occasione che un documento sottoscritto da tutti i capigruppo di maggioranza ed opposizione, cui seguiva il ritiro della mozione, costringeva il Sindaco a prendere l’impegno di compiere tutti gli sforzi possibili per mantenere la localizzazione nell’area di via Montreuil.
Il resto è cronaca di questi giorni: la retromarcia del Comune e la conseguente richiesta di ubicare il luna park nell’area di via Montreuil, il parere favorevole della commissione per i pubblici spettacoli e, conseguentemente, la possibilità di collocare il luna park nella tradizionale location».

«Si noti: il tutto, stante il suddetto parere favorevole da parte della commissione prefettizia, senza che il Sindaco si debba prendere alcuna particolare responsabilità. Bene hanno fatto dunque la comunità di Marina, le associazioni di categoria, gli esercenti riuniti in consorzio, le opposizioni consiliari a contestare per due mesi una decisione della Giunta che era sbagliata. Al Sindaco riconosciamo solo il merito di essersi reso conto (“aiutato” dall’intero Coniglio Comunale, con l’indicazione unanime maturata lo scorso 19 maggio) che la decisione di spostare il luna park che lui ha perseguito e difeso per oltre 2 mesi era sbagliata ed evitabile, e quello di aver ingranato la retromarcia, seppur mascherando il tutto come un suo successo strabiliante».

Commenti