Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Certema e l’innovazione: «Puntiamo sull’additive manifacturing, la tecnologia del futuro»

Il presidente di Certema Fosco Tosti è intervenuto nel corso dell’incontro organizzato dalla Banca D’Italia, nella sede di Grosseto, in occasione della presentazione agli attori locali del rapporto sull’Economia della Toscana

ROMA – Il Laboratorio tecnologico Certema ha tra i suoi obiettivi quello di diventare il polo di riferimento dell’additive manifacturing in Toscana. Lo ha affermato il presidente del Certema, Fosco Tosti, che è intervenuto nel corso dell’incontro organizzato dalla Banca d’Italia, nella sede di Grosseto, per la presentazione agli attori locali del rapporto sull’Economia della Toscana.

“E’ ancora troppo debole il manifatturiero in provincia di Grosseto – ha affermato Fosco Tosti, presidente di Certema – per crescere l’industria ha bisogno di credere e investire sulle nuove competenze e sull’innovazione tecnologica. Certema è in questo senso un importante punto di riferimento per le imprese locali”.

“Il Laboratorio tecnologico di Borgo Santa Rita – continua Fosco Tosti –sta lavorando per diventare il polo di riferimento della Toscana per l’additive manifacturing, o stampa 3D, la tecnologia del futuro, in grado di rivoluzionare i tradizionali processi produttivi: la produzione di componenti e parti meccaniche non avviene più, come con i sistemi tradizionali, per asportazione di trucioli, ma stampando strati successivi di materiale sulla base di un modello 3D virtuale. I vantaggi sono notevoli: meno spreco di materia prima, possibilità di stampare anche componenti di forme complesse a livello geometrico. Il Laboratorio tecnologico di Borgo Santa Rita, è dotato di una serie di attrezzature che rappresentano quanto di meglio disponibile della tecnologia meccanica tradizionale. Accanto a queste, opera un’innovativa stampante 3D per polveri metalliche, con la quale si possono realizzare componenti di qualsiasi forma geometrica in diversi tipi di acciaio, alluminio, titanio, Inconel e leghe preziose. L’industria 4.0 porterà ad una produzione sempre più automatizzata, che ha bisogno di tecnologie digitali, stampanti 3D e roboot. E’ un processo inevitabile, che non può essere fermato, dal quale dobbiamo trarre tutti i possibili vantaggi. Saranno richieste competenze sempre più specialistiche. Certema sta puntando molto sulla formazione, sia per attrarre da fuori tecnici specializzati già formati, sia per formare i giovani del territorio garantendo loro opportunità di lavoro. Di recente siamo diventati anche partner dell’Its Prime, la scuola di alta specializzazione tecnologica, che opera nel settore della meccanica, con la quale stiamo già collaborando sui bandi per l’alta formazione ”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.