Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sirio e Sughero medaglia d’argento: sono vicecampioni italiani di caccia al cinghiale

Più informazioni su

FOLLONICA – Sirio Dondolini con il segugio maremmano Sughero, ben accompagnati da Donatello Casati, sono i vice campioni italiani per razze da seguita 2017 Coppa Italia classe A.

Il bel secondo posto dei portacolori della squadra da Cinghiale di Follonica è stato ottenuto al termine di una lunga selezione, in questi mesi (con oltre settecento partecipanti) e dopo la prova finale che si è svolta a Civitella della Chiana (AR), a metà maggio. La resa finale dei conti, pur se con differenze davvero infinitesimali, ha messo a dura prova concorrenti e giuria e ha dato i seguenti risultati: 1° Simone Pampalini con Petit Lasco Ecc punti 164 – 2° medaglia d’argento Sirio Dondolini con Sughero Ecc. p. 163 – 3° Rinaldo Cenci con Naomi Tigratis Ecc. p. 162.

Il campionato italiano è curato dalla FIDASC (Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia) con il controllo dell’ENCI ( Ente Nazionale della Cinofilia Italiani) che segue le manifestazioni, attesta i libretti di qualifica, la genealogia e le caratteristiche morfologiche e di razza dei cani.

“Sono state un’emozione e una soddisfazione davvero speciali, alla mia età di 77 anni”- ha detto Dondolini dopo la gara finale di Civitella – che ho condiviso con Casati, con i giudici e gli altri partecipanti alla ben organizzata ultima prova in terra aretina; un luogo tradizionalmente adatto alla caccia e alle gare dei cani, al pari della maremma”.

La passione del Dondolini per questo tipo di attività ha veramente trovato la sua consacrazione nell’ultima gara stagionale nella quale Sughero ha ottenuto la qualifica Eccellente e il primo posto di giornata con 163 punti. Una prestazione di livello per il segugio maremmano definito nella relazione della prova: ”Buon tipo. Corretto alla sciolta; breve alla cerca e all’accostamento e al fermo; buono il cambio di voce. Sughero nonostante le cariche (del cinghiale) persevera nei fermi e la canizza è incalzante e ben vocalizzata”.

Caratteristiche che rimarranno scritte nella storia di Sughero segugio maremmano di pelo raso di sei anni degno figlio di Bianca e Primo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.