Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Marina di Grosseto nasce il centro di recupero tartarughe e per la didattica sul mare

GROSSETO – Un nuovo centro di recupero per le tartarughe marine e un centro di didattica sul mare troveranno casa a Marina di Grosseto in un immobile messo a disposizione dall’amministrazione comunale.

“Marina e il litorale grossetano sono al centro della nostra attenzione con interventi di manutenzione e con una crescente offerta di servizi per turisti e residenti – spiega il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna -, ma anche con una progettualità che attraversa vari settori. Tra questi l’attività scientifica e didattica legata all’ambiente. È in questo contesto, infatti, che si inserisce l’individuazione e l’assegnazione di un edificio di proprietà comunale a TartAmare. Un’associazione strutturata che da tempo si occupa del salvataggio e della cura delle tartarughe marine, svolgendo anche attività formativa ed educativa con gli studenti. È quel valore aggiunto che arricchisce l’offerta per i villeggianti e che, allo stesso tempo, vuole sottolineare il ruolo strategico di Marina nell’ambito delle attività connesse al mare”.

L’immobile, che sarà concesso a titolo gratuito, potrà accogliere intanto una prima vasca per gli esemplari  da curare e sarà allestito come un vero centro di primo soccorso per le tartarughe in difficoltà recuperate in mare.

Il progetto di TartAmare in realtà va oltre e prevede l’apertura di un centro di eccellenza che svolga attività di ricerca e di monitoraggio dell’ambiente marino, di conservazione delle specie minacciate e di educazione al rispetto e alla salvagurdia del mare, pur mantenendo come finalità primaria la cura, la riabilitazione e la reimmissione in mare di esemplari di tartaruga, oltre che il monitoraggio di eventuali nidi sulla costa.

“Il progetto di TartAmare è una di quelle iniziative che sosteniamo con grande convinzione e orgoglio, anche in virtù dei molteplici aspetti benefici che in esso si racchiudono – aggiunge il vice sindaco e assessore al Turismo, Luca Agresti -. Educazione, ambiente, ricerca, promozione del territorio, cultura, giovani: tutti valori che si ritrovano in questo centro di recupero e didattica e che sapranno esaltare altre potenzialità di Marina”.

Tra le attività in corso, TartAmare è impegnata in tirocini formativi con l’università di Torino, nei percorsi di alternanza scuola lavoro con il liceo scientifico Marconi e in un progetto didattico di educazione ambientale con la scuola primaria di via Sicilia e con il liceo artistico cittadino.

L’associazione si avvarrà in questo nuovo percorso della collaborazione degli esperti di Caretta Calabria conservation per la realizzazione di progetti congiunti nell’ambito della tutela e del monitoraggio dei nidi di tartaruga.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.