Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il giardino si trasforma in foresta inutilizzabile. La denuncia di Forza Italia

Più informazioni su

FOLLONICA – «Nella nuova lottizzazione del Petraia di Follonica c’è una situazione da risolvere. Un tratto di verde pubblico, lasciato dai costruttori al Comune di Follonica e a disposizione degli abitanti delle villette, resta abbandonato e non curato da tempo: è quello che si trova tra le case che costeggiano via Amendola e la strada provinciale Aurelia». A parlare è Franco Filippini, coordinatore di Forza Italia Follonica che denuncia una situazione non più tollerabile.

«Dovrebbe essere un giardino aperto a tutti e invece resta una zona inutilizzata proprio a causa del degrado. L’erba alta e le piante non curate impediscono che quell’area abbia un’utilità per i residenti che hanno un’abitazione in quella parte di Follonica. Non solo: creano anche problemi di decoro. Più volte i cittadini hanno segnalato il disagio all’amministrazione comunale di centrosinistra, ma non sono riusciti ad ottenere le giuste attenzioni delle autorità, tanto che il piccolo parco resta abbandonato a se stesso».

«Chiedo quindi al sindaco di Follonica Andrea Benini e all’assessore al verde pubblico Andrea Pecorini di chi sia la competenza su quel terreno e quali siano i progetti per il futuro di quello che potrebbe diventare un nuovo parco cittadino a disposizione di un centro abitato appena nato in città. L’intento iniziale, infatti, doveva essere proprio quello di curare quella riserva di piante per farla diventare un giorno un parco che divida le villette dalla strada, particolarmente transitata. Se il Comune di Follonica può fare qualcosa lo faccia e si dia da fare. Altrimenti chiarisca di chi sono le competenze su quella porzione di terra».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.