Bandiera verde a Follonica, Benini: «È la conferma che siamo la meta preferita dalle famiglie»

Più informazioni su

GROSSETO – Follonica di nuovo premiata con la Bandiera verde, che la certifica come una località balneare a misura di bambino e sicura per i più piccoli.

“Un risultato che conferma quanto sappiamo da sempre, e sa anche chi è già stato nella città del golfo in vacanza e spesso la sceglie di nuovo – afferma il sindaco Benini – il mare è tra i più sicuri del litorale toscano: decrescita lenta del fondale, assenza di scogli, tanti punti ristoro, bagnini e torrette di sorveglianza dislocati in tutto il  litorale, sia nella spiaggia libera che negli stabilimenti balneari”.

La Bandiera verde è nata da una ricerca effettuata dai pediatri italiani, e Follonica, nel 2017, risulta tra le 134           località balneari italiane più sicure per i bambini, e per questo è stata insignita della bandiera Verde, come meta italiana a misura di bimbo!

A dirlo una classifica stilata da più di 2000 pediatri italiani in base a criteri precisi, tra cui dislocazione geografica e sicurezza. I pediatri hanno preso in considerazione più misure basando la scelta soprattutto sulla idoneità ambientale per famiglie e bambini.

Acqua limpida e bassa vicino alla riva, sabbia per torri e castelli, bagnini e scialuppe di salvataggio, giochi, spazi per cambiare il pannolino o allattare, e nelle vicinanze gelaterie, locali per l’aperitivo e ristoranti. Ecco l’identikit delle 134 spiagge italiane promosse dai pediatri: le località che hanno ottenuto la Bandiera verde 2017.

“Un risultato che conferma che Follonica è un gioiello a misura di bambino e di famiglia – aggiunge il sindaco Benini – ma ci riempie di orgoglio essere riconosciuti a livello nazionale come una spiaggia a dimensione di bimbo. Non è un caso che Follonica, da sempre, sia la meta preferita da famiglie. Tra l’altro molto facciamo per i più piccoli e la loro sicurezza, compresi i braccialetti gialli, per ritracciare più facilmente dei bambini, nel caso si allontanassero dai genitori”.

Più informazioni su

Commenti