I profughi scendono in campo: così l’accoglienza va in gol in Maremma

Più informazioni su

FOLLONICA – Il calcio in Maremma continua ad unire i richiedenti asilo con la popolazione, le associazioni e le amministrazioni pubbliche che li accolgono.

Stavolta è stata la città di Follonica assieme alla Us Follonica a ospitare nei campi di via Sanzio il triangolare “Un dribbling alla diffidenza”, appassionato torneo che ha visto impegnate le squadre del centro profughi di Caldana, la locale squadra juniores della Us Follonica e il Dream Team formato da ragazzi di altri centri della provincia di Grosseto.

Promosso dall’associazione Partecipazione e sviluppo e Cosmo, l’evento ha visto la fattiva partecipazione della dirigenza dell’Us Follonica e il patrocinio dell’amministrazione comunale presente con l’assessore Alberto Aloisi. Una bella giornata di sport e di amicizia conclusa con il tradizionale rinfresco.

Per la cronaca sportiva questi sono stati i risultati del torneo: Dream Team- Caldana 0-1, Dream Team-Us Follonica Juniores 2-1, Us Follonica Juniores – Caldana 3-0. I rigori hanno poi definito la classifica finale che ha visto il successo del Dream Team con 4 rigori segnati davanti al Caldana, 3 rigori, e al Follonica, 2 rigori.

“Le associazioni Partecipazione e sviluppo e Cosmo – spiegano gli organizzatori – ringraziano tutto lo staff della Us Follonica nei signori Comparini, Guarini, Giannoni, Vannoni, Bartaletti e Bulichelli, per la serietà e collaudata esperienza nell’organizzazione di eventi sportivi di livello regionale, ma che per la prima volta hanno voluto aprire le porte ad un evento sociale importante, un esame passato a pieni voti”.

Più informazioni su

Commenti