La Maremma al Vinitaly: Giovan Battista ci parla di Basile, la sua azienda

CINIGIANO – Dal 9 al 12 aprile a Verona si terrà la cinquantunesima edizione del Vinitaly, il salone internazionale dei vini e distillati, punto di riferimento a livello internazionale. IlGiunco.net apre per la prima volta una finestra sul mondo del vino e delle aziende che andranno a Verona che troveranno spazio nella rubrica “La Maremma al Vinitaly”.

Tra le aziende presenti a Verona c’è anche Basile nel padiglione D – Area E2, con una postazione presso lo Stand del Consorzio Montecucco. Il titolare Giovan Battista Basile ha acquistato la proprietà nel 1999 e ha deciso di trasferirsi a Cinigiano con la sua famiglia dalla sua città natale, Napoli, per dedicarsi a tempo pieno all’azienda agricola.

I terreni, che hanno una composizione prevalentemente calcarea, sono per la gran parte esposti a Sud-Ovest ad una altitudine che varia dai 380 ai 330 metri. Il clima si mantiene secco grazie alla costante ventilazione a cui è sottoposta la zona, molto aperta e ben soleggiata. Fin dalla sua nascita, l’azienda ha scelto di coltivare i terreni con i dettami dell’agricoltura biologica. Le uve vengono controllate e certificate dal CCPB. L’Azienda è ad impatto ambientale zero, poiché produce energia pulita con un impianto fotovoltaico ed ha seguito i principi della Bioedilizia e del risparmio energetico.

Le vigne attualmente ricoprono una superficie di circa 8 ettari. La raccolta viene svolta manualmente, mentre la vinificazione avviene in vasche di acciaio ed in grandi tini di legno troncoconici, con un accurato controllo della temperatura effettuando rimontaggi e delestage a seconda delle caratteristiche della annata. L’affinamento avviene in legni grandi, in tonneaux ed in barriques di rovere francese per 12/24 mesi.

La Maremma al Vinitaly

Attualmente vengono prodotti quattro vini per un totale di circa 50.000 bottiglie:

Cartacanta – Montecucco Sangiovese D.O.C.G. – circa 25.000 bottiglie all’anno – uscita in commercio a minimo 18 mesi dalla vendemmia.

Comandante – Maremma Toscana D.O.C. circa 10.000 bottiglie all’anno – in Commercio a minimo 30 mesi dalla vendemmia.

Ad Agio – Montecucco Sangiovese Riserva D.o.c.g. circa 4000 bottiglie all’anno – in commercio a minimo 48 mesi dalla vendemmia.

Il bianco Artéteca – Vermentino Toscano Igt circa 5000 bottiglie all’anno.

Al Vinitaly perché?
Risponde il titolare Giovan Battista Basile: “il Vinitaly è un evento importante per presentare le  nuove annate ai nuovi buyers  e rinnovare i rapporti di fiducia consolidati nel tempo con i nostri clienti provenienti da tutto il mondo, per i quali il vinitaly è un evento irrinunciabile. E’ anche una occasione per far conoscere i nostri vini ad un pubblico di appassionati alla ricerca  di nuove espressioni   e di  territori emergenti, produzioni che, come nella nostro caso , rispettano l’ambiente coltivando nel regime biologico.”

La degustazione di Antonio Stelli, delegato AIS Grosseto.

Parliamo di AD AGIO, Montecucco Sangiovese Riserva D.O.C.G. 2012. Splendido rosso granato trasparente, si apre su un intenso corredo olfattivo articolato ed invitante, confettura di visciole e mirtilli, potpourri di petali di rosa e garofano, tabacco kentucky, cuoio, note ferrose, un lieve soffio balsamico, all’ assaggio è potente e avvolgente equilibrato da un’ ottimo tannino e una buona sapidità, esaltante la persistenza.

Per info: www.basile.it

Commenti