Da Cia applausi all’Inail: «Utile ogni azione per garantire la sicurezza sul lavoro»

Più informazioni su

GROSSETO – “Cia Grosseto ringrazia l’Inail per essersi resa disponibile ad un incontro tecnico politico dedicato al bando Isi agricoltura: un appuntamento per illustrare le opportunità di sostengo per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nelle piccole imprese del settore primario. La prevenzione e la sicurezza in ambito lavorativo, rimangono temi di nostra imprescindibile priorità per questo ogni iniziativa in tale direzione troverà sempre il sostegno e il plauso della Cia”.

Così Enrico Rabazzi, vicepresidente regionale e presidente grossetano Cia – Confederazione Italiana Agricoltori.

“L’appuntamento, organizzato nella giornata di ieri, ha visto fianco a fianco Inail, Cia e tante aziende associate. – spiega Rabazzi – Come primo punto è stato confermato che il bando è stato prorogato al prossimo 28 aprile.  Inoltre ricordiamo che sono 45 milioni gli euro che saranno complessivamente stanziati a livello nazionale e quasi quattro milioni saranno destinati alla Toscana. Il bando prevede un contributo fino al 40% della spesa sostenuta per un valore massimo di 60mila euro.

Mettere in sicurezza i macchinari significa lavorare limitando i rischi e i pericoli per questo crediamo che questa sia un’opportunità da prendere in considerazione. Tuttavia, pur non volendo sminuire il valore dello stanziamento ministeriale – precisa Rabazzi – due sono i punti che ci  lasciano un po’ perplessi: da una parte la metodologia del click-day,  che si tramuterà in una corsa a chi è più veloce ad inviare la pratica a Roma, inoltre crediamo sarebbe stato opportuno inserire un contributo anche per l’adeguamento dei macchinari e non solo per la loro sostituzione, molte aziende infatti, a causa delle difficoltà economiche,  saranno comunque escluse mentre altre, piccole e piccolissime,  non hanno interesse ad avere nuovi macchinari. Rimaniamo comunque soddisfatti del bando perché ogni azione volta a tutelare la salute dei nostri agricoltori deve essere applaudita”

Più informazioni su

Commenti