Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Raccolta delle olive a rischio «Focolai di cecidomia anche in Maremma»

GROSSETO – Da circa un anno si è affacciato nel panorama olivicolo locale un nuovo parassita fitofago, la Cecidomia. Il parassita è diffuso nell’area mediterranea e del medio Oriente, soprattutto in Grecia nello specifico sull’isola di Creta, Siria, Giordania, Turchia ed in Italia ha iniziato a diffondersi nella zona del lago di Garda e di Trieste, dal 2012 ha fatto la sua comparsa anche in Emilia Romagna, Puglia ed altre regioni meridionali, e dall’anno scorso sono stati individuati focolai anche in Provincia di Grosseto, ed in particolare nel Comune di Gavorrano.

«Ad oggi – afferma – Claudio Capitani presidente dei periti agrari – dei nostri iscritti hanno segnalato focolai di attacco nei Comuni di Castiglione della Pescaia, Grosseto, Gavorrano e Magliano in Toscana. Il danno è causato dalle larve che si sviluppano sotto la corteccia, localizzandosi in preferenza all’ascella o a livello dei nodi dei rametti con un diametro non superiore al mezzo centimetro, dove la femmina depone le uova in screpolature o piccole ferite. Le larve si alimentano dei  tessuti sottocorticali interrompendo il flusso linfatico ascendente e provocando il disseccamento».

«Nelle piante colpite, le galle arrivano ad interessare anche il 60% delle foglie della pianta e causando danni di rilevanza economica se non si realizzano interventi appropriati di difesa. Il Collegio dei Periti Agrari di Grosseto si è attivato con un corso di formazione ed aggiornamento per i propri professionisti ed ha, inoltre, avviato a mezzo dei propri iscritti, su tutto il territorio provinciale, un servizio di monitoraggio atto a studiare il grado di diffusione del patogeno».

«Sia ben chiaro – continuano i periti -, non vogliamo generare allarmismo, tuttavia, essendo l’insetto non originario delle nostre aree, e non essendo ancora chiara la presenza o meno di antagonisti naturali e quanto questi riescano a contenere l’infestazione, crediamo che occorra non sottovalutare il problema. Ci siamo attivati informando il Servizio Fitopatologico della Regione Toscana, e stiamo per l’appunto implementando una rete di monitoraggio, a tal proposito chiediamo a chiunque noti tracce del fitofago di segnalarlo all’indirizzo: collegio.grosseto@peritiagrari.it».

Informazioni utili in merito al problema possono essere reperiti nel sito: www.peritiagrarigrosseto.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.