Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Blocco Studentesco: “Noi a pieno titolo, nelle scuole, a parlare di storia patria”

Più informazioni su

GROSSETO – “Apprendiamo dai giornali locali e on line di Grosseto e provincia che tale Lorenzo Berti, segretario dei Giovani Democratici di Grosseto, e  Francesca Lanza,  coordinatrice della Rete degli studenti medi, criticano l’iniziativa degli studenti in merito alla giornata del ricordo, a cui era invitato come relatore il coordinatore regionale del Blocco Studentesco Toscana” – afferma Tommaso Ceccarelli, responsabile del Blocco Studentesco Toscana.

“Il fatto stesso che nei loro comunicati parlino di imparzialità – prosegue Ceccarelli – sottintende che per loro esista una verità alternativa a quella che ho esposto nel mio intervento. O forse il problema sta nel fatto che queste persone militano nel partito che è il diretto erede del Partito Comunista, ossia il principale insabbiatore della verità sulle foibe per decenni?”.

“Ma al di là della verità storica – continua Ceccarelli – questi personaggi che fanno della polemica fine a se stessa una ragione di esistenza non si sono posti il dubbio che la decina di docenti presenti in aula avrebbe potuto insorgere o bloccare l`assemblea se avessi iniziato a distorcere la realtà storica? Eppure non è successo,  quindi le parole di questi esponenti pseudo politici si riducono banalmente a reazioni isteriche tese solo alla ricerca di pubblicità gratuita sfruttando il nostro nome”.

“Il Blocco Studentesco con centinaia tra rappresentanti di istituto , presidenti e consiglieri di consulta in tutta Italia ha perfettamente diritto di parlare in qualsiasi scuola – conclude la nota – e se i Giovani democratici e gli studenti medi ci invitassero,  saremmo ben contenti di partecipare ad una loro iniziativa. Come, per esempio , sull’ex Presidente Sandro Pertini, così ci potrebbero dare spiegazioni sul motivo per il quale si inginocchió e baciò la bara di Tito, il principale responsabile degli infoibamenti e della fuga degli italiani dalle terre di Istria, Venezia-Giulia e Dalmazia”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.