Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sit in a Roma degli allevatori: in piazza e dal ministro anche i sindaci maremmani fotogallery

GROSSETO – “So quanto siete importanti per l’ambiente e dunque la vostra attività deve essere in ogni modo protetta e valorizzata.” Con queste parole il ministro dell’Ambiente, Galletti ha salutato i pastori e le rappresentanze di Confagricoltura e Cia che stamani si sono recate a Roma per incontrarlo e per consegnare, al titolare del dicastero dell’Ambiente, un documento con le loro osservazioni e proposte integrative al piano di protezione del lupo. Provvedimento che ricordiamo è stato congelato per la titubanza di alcune Regioni che hanno fatto una repentina e inaspettata marcia indietro rispetto a quanto manifestato in sede di conferenza Stato-Regioni.

La delegazione ricevuta dal ministro era composta dal vice presidente regionale e provinciale di Cia, Enrico Rabazzi, dal direttore di Confagricoltura Grosseto, Paolo Rossi, dai sindaci di Magliano in Toscana, Diego Cinelli, di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, di Roccalbegna, Massimo Galli e di Manciano, Marco Galli., dall’assessore del Comune di Magliano in Toscana, Mirella Pastorelli e da due allevatori Virgilio Manini e Fernando Tizzi, oltre ai rappresentanti nazionali dell’Ispra.

“Non possiamo più avere tentennamenti – ha spiegato il direttore Paolo Rossi -. Se il piano non viene discusso rapidamente con le modifiche che abbiamo richiesto si rischia uno stop che non è utile né al mondo della pastorizia e neppure a risolve il problema. Faccio notare – ha aggiunto Rossi – che il permanere di questa situazione di stallo mette a rischio il settore allevatoriale ovicaprino che, oltre a rappresentare un formidabile valore economico, assolve anche a un ruolo di presidio ambientale di tutela delle aree rurali dove esso insiste”.

“Galletti – racconta il presidente, Enrico Rabazzi – ha prima ringraziato gli allevatori per la compostezza e la civiltà con cui è stato organizzato in mattinata il presidio in piazza della Repubblica, partecipato da oltre trecento allevatori in rappresentanza delle delegazioni di Toscana, Lazio, Umbria e Puglia, e poi ne ha sottolineato l’importanza al fine di giungere alla approvazione definitiva del piano senza che la posizione assunta da alcune Regioni, indecise e filo animaliste, ne stravolga i contenuti”.

Nell’incontro di oltre un’ora sono state ascoltate dal ministro le testimonianze quotidiane dei due allevatori Manini e Tizzi che hanno rappresentato le problematiche e le difficoltà che vivono con la famiglia, salvo poi stupirsi per la mancanza di una delle rappresentanze del mondo sindacale agricolo. “Abbiamo fatto presente al ministro – prosegue Rabazzi – che, nonostante esistono purtroppo visioni con logiche diverse, oggi eravamo in piazza non come Cia e Confagricoltura. Con noi c’erano tutti gli allevatori. Abbiamo rinunciato alle nostre insegne e colori e indossato solo cappellini bianchi, mossi da un forte senso di responsabilità anche nei confronti di coloro che non hanno potuto lasciare le aziende. Chi non ha partecipato al sit in e all’incontro – conclude – ha perduto un’occasione per difendere gli allevatori, preferendo tutelare un altro mondo e un’altra economia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.