Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo proprietario per Floramiata: «Prospettiva concreta per l’Amiata»

AMIATA – È di poche ore fa la notizia della conclusione positiva dell’asta pubblica indetta dal curatore fallimentare di Floramiata e, dunque, di una nuova proprietà per l’azienda di Piancastagnaio. Il commento, positivo, dei consiglieri regionali del territorio.

“Mi auguro che prenda corpo un nuovo progetto imprenditoriale in grado di assicurare competitività, redditività e occupazione – dice Simone Bezzini, consigliere regionale –. Non mancheranno, soprattutto nella prima fase, passaggi difficili e complessi, che auspico vengano affrontati attraverso il confronto con le organizzazioni sindacali. Del resto i lavoratori hanno dimostrato in questi mesi un grande senso di responsabilità, senza il quale la situazione avrebbe potuto compromettersi irrimediabilmente”.

“Una notizia che non possiamo che accogliere positivamente – continua Leonardo Marras, capogruppo PD Regione Toscana –, perché, dopo tanto tempo, è una prospettiva concreta per l’azienda e, in generale, per l’intero sistema produttivo amiatino. Il ritorno alla piena attività di Floramiata sarebbe infatti un segnale forte di speranza per tutte le aziende dell’area che stanno vivendo situazioni di difficoltà. Venerdì sarò a Castell’Azzara per incontrare il sindaco e affrontare con lui i diversi temi della crisi in Val di Paglia, sarà l’occasione per nuovamente anche di Floramiata”.

“La prospettiva di una nuova proprietà per l’azienda vuol dire futuro meno incerto per i tanti lavoratori che da anni aspettano una soluzione positiva della vicenda – prosegue Stefano Scaramelli, consigliere regionale –. Attendiamo gli sviluppi, ma voglio salutare con soddisfazione questa notizia, perché potrebbe essere l’inizio di una nuova storia per Floramiata”.

“La Regione e i Comuni interessati – concludono – dovranno continuare a seguire con attenzione l’evolversi della situazione, così da poter creare le migliori condizioni possibili per favorire lo sviluppo dell’economia amiatina: attraverso gli strumenti messi a disposizione per le aree di crisi, la stipula del protocollo con le priorità progettuali per l’Amiata e il monitoraggio sull’efficacia degli ammortizzatori sociali”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.