Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Unicoop, passa la mozione in Regione: «Si faccia il possibile per evitare l’impatto sociale»

Più informazioni su

GROSSETO – “La situazione è già parzialmente cambiata da quando, un mese fa, abbiamo presentato questa mozione – spiega Leonardo Marras, capogruppo PD Regione Toscana –: è stato attivato un tavolo nazionale e la Regione segue da vicino la vicenda, ma resta comunque intatto il rischio occupazionale e sociale che la soluzione di questa crisi aziendale può portare. La situazione che sta vivendo la Cooperativa è molto grave ed incide su realtà già duramente colpite dalla crisi, c’è però un elemento che la differenzia da molte altre imprese in difficoltà: la rete sociale. La partecipazione, sempre molto elevata, alle assemblee dei soci è la dimostrazione del fatto che in Coop non è presente soltanto il rapporto venditore-consumatore, ma c’è anche uno spirito di appartenenza, un sentimento di condivisione e familiarità che ha reso speciale quest’azienda, sin dall’inizio della sua storia. A maggior ragione, dunque, le responsabilità che hanno portato al quadro attuale non possono essere ignorate, devono anzi essere affrontate perché non incidano anche su questo sentimento”.

 

“Quasi un milione di soci, circa 4500 dipendenti ed oltre 100 punti vendita, 25 milioni di perdita e possibili licenziamenti di 481 esuberi. Questi i numeri di una grande azienda che, forse per mala gestione, costituirebbero un ennesimo grave colpo ai livelli occupazionali della nostra costa Toscana già colpita dalla crisi industriale ed individuata come area di crisi complessa. Il problema non investe solo la costa – commenta Ilaria Giovannetti, consigliera regionale –, ma riguarda anche le zone interne come la nostra, la Valle del Serchio.  In Valle ci sono ben 3 punti vendita Unicoop: Barga, Bagni di Lucca e Pieve Fosciana. Secondo l’azienda sono tutti  a rischio cessione anche se non tutti producono un bilancio annuale in perdita. Mi chiedo se non sia  l’ennesima decisione politica aziendale di abbandonare un territorio come il nostro che già ha a che fare con anni difficili per tutti i nostri cittadini e le nostre aziende”.

“Chiediamo alla Giunta regionale – concludono i consiglieri – di mettere in atto ogni possibile misura necessaria ad evitare gli effetti sociali del piano di riorganizzazione di Unicoop Tirreno. Noi continueremo a vigilare con attenzione sugli sviluppi della difficile situazione di un’azienda che negli anni ha portato benessere, aiuto e sostegno solidale a tante comunità toscane”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.