Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coeso: il Comune di Grosseto potrebbe lasciare. Vivarelli Colonna pronto allo strappo

Più informazioni su

GROSSETO – “Essere socio di maggioranza di un’azienda e non avere nessun peso decisionale all’interno del consiglio di amministrazione è una condizione che non sarebbe tollerata mai in nessuna realtà imprenditoriale. Non vedo perché invece all’interno della Società della Salute sia la normalità”. Così Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto, nel commentare il fatto che il Comune sta valutando la possibilità di uscire dal Coeso dopo che non è stata accolta la richiesta dell’Ente di rivedere il calcolo delle quote di partecipazione alla Assemblea dei Soci della SdS.

“Il previsto riordino dei distretti socio-sanitari e delle Sds avrà conseguenze pesanti sull’organizzazione e sull’erogazione dei servizi – spiega Vivarelli Colonna -. Ma non solo: si darà il colpo di grazia alla capacità decisionale del capoluogo, primo contribuente del Coeso con quasi 4milioni di euro. La disparità sta proprio qui: si paga in base ai residenti, si conta in virtù di criteri politici decisi a Firenze. Sarà un vero e proprio depotenziamento, all’interno dell’assemblea dei soci della futura Sds, dei sindaci delle città più popolose e quindi più rappresentativi, creando un’evidente stortura democratica nel processo decisionale in uno dei temi più vitali, fondamentali e decisivi per la qualità della vita di una popolazione.”

Il Comune di Grosseto ha, di conseguenza, chiesto la revisione dello statuto, nella parte che rivede il calcolo delle quote di partecipazione, per introdurre un peso su base demografica.

“Se le nostre richieste non saranno valutate positivamente dall’assemblea dei soci – continua Vivarelli Colonna -, il Comune di Grosseto si riserva la facoltà di valutare le procedure per ritirare le quote di partecipazione al consorzio, facendo mancare non solo il 30 per cento del valore del fatturato, ma anche il presupposto normativo per la sopravvivenza del consorzio stesso. Noi vogliamo restare, ma vogliamo contare. Lo dobbiamo ai nostri concittadini e alla loro salute”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.