Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Menichetti «Sistema cooperativo in crisi per colpa dell’inadeguatezza del sindaco»

Più informazioni su

SANTA FIORA – «Siamo ostaggio di un sindaco inadeguato che pensa solo alla sua carriera più che ai problemi reali di tutte le frazioni» Mauro Menichetti segretario del movimento politico Ripartiamo dalla Gente attacca il sindaco Federico Balocchi. «Non abitando, per la più parte del tempo, in questo comune non si rende conto di quanti milioni di euro ha “sminestrato” in questi anni con risultati pari allo zero. Questa legislatura era un’occasione per costruire un bel pezzo di futuro, invece non è stato fatto niente e si continua a fare ipotesi su cose inutili e dannose».

«Così come la strampalata idea, in ordine di tempo, dell’assurda proposta di fusione con il comune di Castell’Azzara che, fra l’altro, ha detto già di no a questa ipotesi insensata che metterebbe insieme due debolezze e farebbe un comune di appena 3500 abitanti, non risolvendo chiaramente per nessuno dei due comuni nessun tipo di problema – prosegue Menichetti -. Non crediamo che sia una questione di soldi, visti quanti ne incassa il comune di Santa Fiora da circa dieci anni e visti i risultati sotto gli occhi di tutti. Ma chi sostiene questa scombinata ipotesi vuole nascondere i disastrosi risultati di 3 anni di questa Amministrazione».

«Infatti ci sono state tante chiacchiere e niente fatti: il comune ha incassato più di 2,5 milioni di euro a fronte di 2600 abitanti. Dovremmo essere il comune più ricco e benestante della Toscana, invece chiudono macelli, panifici e negozi storici. Ma soprattutto il sistema cooperativo sta subendo un duro colpo mortale: infatti le cooperative Il Quadrifoglio e La Peschiera, nate e cresciute in questo comune, hanno già trasferito le loro sedi ad Arcidosso nel completo silenzio del Sindaco e di questa Amministrazione assente e inadeguata. E così sulla grossa crisi che investe la Cooperativa La Boscaglia, nata dopo la fusione di tre cooperative e che avrebbe dovuto rappresentare una enorme opportunità per questo territorio, oggi a rischio di chiusura, questa Amministrazione tace, come tacque per la chiusura definitiva dello stabilimento alimentare della Fornacina. Una situazione disastrosa in un comune ricco di soldi – conclude -, ma povero di idee e soprattutto di persone capaci».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.