Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Disperso nella notte: vigili del fuoco in azione per addestramento. TUTTE LE FOTO fotogallery

Più informazioni su

GROSSETO – Addestrarsi all’orientamento con carta e bussola gps per raggiungere un punto in sicurezza, anche di notte. Raggiunto il target, organizzare il personale ed i materiali per un rapido supporto di recupero. Queste le principali caratteristiche dell’esercitazione notturna organizzata dal gruppo Saf. del Comando Provinciale Vvf di Grosseto nella zona di Batignano/Montorsaio.

L’operazione di soccorso simulata ha preso il via con una telefonata arrivata alle ore 16,00 alla centrale S.o. in cui si segnala che un appassionato di speleologia si era recato nella zona alla ricerca di una grotta. Per il momento non si hanno altre notizie ne in merito al punto preciso o al nome o alle caratteristiche della zona . L’unica certezza che l’uomo è partito da Grosseto nella mattina alle ore 08,00 e doveva essere di rientro sicuramente entro le ore 14,00 e che per muoversi utilizza sempre una moto Bmw 650 grigia. Per l’operazione di soccorso sono state adottate strategie diverse.

La squadra “1” nome “Saf uno”, aveva il compito di collegamento tra le squadre e gli altri enti, di fornire materiali specifici al momento di un eventuale soccorso e come squadra di autosoccorso. Interessate anche quattro squadra sempre con compiti di ricerca e organizzazione di un eventuale soccorso. L’operazione è partita con l’ inviare le squadre alla ricerca del punto esatto di ingresso delle cavità conosciute e frequentate nella zona. Nella zona in cui si è recata la persona che non è rientrata a casa, ci sono almeno tre grotte conosciute e censite nel catasto regionale, in più vi sono dei saggi di pozzo minerario ed una miniera abbandonata. La squadra“Saf uno” si è posizionata nell’incrocio “Campo alle Croci” punto di facile accesso e vicino alle zone di ricerca. Rendez-vous con altri enti. Ha coordinato le comunicazioni e le operazioni, gestito e fornito il materiale. La squadra “Saf due”, è stata inviata nella zona di ricerca “Pozzo di nonno”.

La squadra “Saf tre” al “Pozzo Giovanni”. La squadra“Saf quattro”, nella zona “Buca dei Pipistrelli e ingresso miniera” e la squadra “Saf cinque”, al “Pozzo di saggio miniera” Nella simulazione è stato previsto che alle ore 17,30 o comunque dopo 30′ ora dall’uscita dalla sede centrale di Grosseto, i Carabinieri di Batignano avvertano del ritrovamento della moto nel punto di incrocio tra lo stradello che collega Montorsaio con la cessa dell’acquedotto sopra al Cimitero e che indichino le coordinate. Questo presuppone che il disperso cercasse la grotta nominata “Pozzo di Nonno”. Dopo un veloce controllo alla grotta Pozzo Giovanni, che è comunque relativamente vicina al punto di ritrovamento della moto le ricerche vengono indirizzate in direzione delle coordinate della grotta “Pozzo di Nonno” con tutte le squadre coinvolte.

La ricerca notturna e nel bosco è particolarmente impegnativa, necessità di accortezze e attenzioni per gli operatori. La simulazione ha stabilito che lo speleologo si sia calato all’interno della grotta Pozzo di Nonno e in funzione dell’orario si siano prospettati due scenari. Nella prima ipotesi è probabile che l’uomo sia caduto e si sia ferito ad una gamba e dovrà essere considerato il soccorso sanitario per una presunta frattura ed un avanzato stato di ipotermia. Nella seconda ipotesi invece è che si è calato ma non sia stato capace a risalire. Non è ferito ma necessita solo di essere recuperato con un leggero stato di ipotermia. Le squadre una volta individuato il punto esatto in cui è stato ritrovato le speleologo hanno attivato tutte le procedura volute dal protocollo in questi casi, portando a termine con successo il salvataggio dell’uomo e l’addestramento programmato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.