Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Ma i trattati sono contro la Costituzione?”. A Grosseto appuntamento con il libro di Bortolon

Mercoledì 8 alle ore 16,30 Fondazione Bianciardi via A.De Pretis, 32. Se ne discuterà con Matteo Bortolon in una niziativa promossa da Attac Grosseto e Forum Cittadini del Mondo

Più informazioni su

GROSSETO – Si parlerà anche di temi di grande attualità quali: la nuova era Trump, la Brexit, il debito pubblico e le agenzie di rating relativamente al processo di Trani. Il Relatore Matteo Bortolon (autore del libro), come attivista di Mani Tese, ha preso parte alle campagne della società civile sul commercio globale, sullo sfruttamento del lavoro infantile e sulla sovranità alimentare.

È fra i promotori della campagna del Forum per una Nuovo finanza Pubblica e Sociale e iscritto ad ATTAC Italia, scrive regolarmente su Il Manifesto di problematiche finanziarie, di debito, di governance economica europea. Fa parte della campagna STOP TTIP come attivista del comitato locale di Firenze.

I contenuti del libro: WTO, CAFTA, TISA, TTIP: sigle ignote all’uomo della strada, trascurate nei talk show, disertate dai giornali, se non come necessità inaggirabili perché garantiscono il “libero commercio”. Sigle dietro le quali esiste un formidabile potere, il progetto di una società fondata sul profitto e sul consumo, in mano alle multinazionali e alle forze a loro asservite. Sigle che designano i Trattati di libero mercato. Accordi negoziati la cui opacità e segretezza è proporzionale alla forza di piegare le sovranità democratiche alle implacabili regole del commercio globale. Accordi che estendendosi sull’intero pianeta costituiscono una vera gabbia d’acciaio per i popoli e gli Stati, sovvertendo dall’interno le costituzioni democratiche e piegando le politiche agli interessi forti. Merci, servizi pubblici, energia, alimentazione ambiente; nessuna sfera della vita pubblica ne risulta immune.

Partendo dall’ondata liberoscambista degli anni Novanta, si vede come nel decennio successivo i Trattati da un lato concretizzino l’avanzata dell’agenda corporativa, dall’altra suscitino proteste e opposizioni da parte dei popoli tanto da intralciarne seriamente il cammino. Dopo aver visto il sostanziale fallimento dei grandi accordi globali a favore di una vera e propria proliferazione di accordi bilaterali nel primo decennio del XXI secolo, si presentano i nuovi micidiali accordi dell’epoca della Grande Crisi (TTIP, TPP, CETA) nel segno di un nuovo progetto strategico di dominazione egemonica. E della reazione popolare ad essi, che tenta di ridare la parola ai cittadini e ai movimenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.