Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dall’Australia in Maremma per studiare l’archeologia: giovedì cerimonia

Cerimonia di consegna degli attestati partecipazione agli studenti australiani coinvolti per l'edizione 2017. Giovedì 9  febbraio alle 11 in via Zanardelli 2 (Aula magna)

Più informazioni su

GROSSETO – Saranno presenti il vice sindaco e assessore alla cultura del Comune di Grosseto, Luca Agresti, gli organizzatori della Winter school, Lucia Sarti coordinatore dell’accordo di cooperazione tra l’università di Siena e l’università di Sheffield, Olga Ciaramella, consigliere provinciale per l’università e Gabriella Papponi Morelli, presidente del Polo universitario

La città di Grosseto ha ospitato, per il quarto anno consecutivo, la Winter school del Progetto archeologico Alberese, organizzata dall’University of Sheffield in Inghilterra in collaborazione con l’University of Queensland in Australia, l’università di Siena e l’associazione culturale “Progetto Archeologico Alberese” e con il sostegno del Comune di Grosseto.
La scuola si è svolta, con il supporto del Polo universitario Grossetano, al dipartimento di Scienze storiche e dei beni culturali, in via Zanardelli, dove si sono tenute le lezioni in teledidattica.
Le attività di ricerca sono iniziate a metà gennaio e hanno coinvolto 12 studenti australiani, accompagnati dalla professossa Janette McWilliam; i giovani hanno potuto  studiare i reperti archeologici rinvenuti durante le campagne di scavo nei siti di Alberese in località Spolverino e Prima Golena, all’interno del Parco regionale della Maremma.
Greta Anderson, Shelley Day, Dana Hermann, Isabelle Jones, Kaeli Krakowsky, Zabrynn Lander, Vivien Muller, Dominic Ragonesi, Brianna Sands, Robynne Schmidt, Danielle Smith e Courtney Webster durante la prima settimana, con la supervisione di Massimo Brando, hanno imparato a distinguere i diversi frammenti ceramici provenienti dai due siti. Successivamente,  hanno studiato i vetri provenienti dagli scavi di Alberese sotto la guida dello specialista Thomas Derrick dell’University of Leicester, mentre Veronica Aniceti dell’University of Sheffield li ha introdotti allo studio dei reperti faunistici rinvenuti durante gli scavi. Infine, nell’ultima settimana, Valentina Pica ha insegnato loro a distinguere e datare gli oggetti in metallo e osso della vita quotidiana della Maremma romana e Giovanna Pizziolo dell’università di Siena ha mostrato le ricerche di età preistorica in corso sul territorio e coordinate dal Dipartimento italiano.
A fronte di queste attività, gli studenti hanno avuto la possibilità di visitare alcuni dei migliori siti archeologici della nostra provincia. Hanno potuto ammirare le città di Grosseto, Roselle, Massa Marittima, Pitigliano, Scarlino, Sovana e Vetulonia, assieme al Museo Archeologico e di Arte Sacra di Grosseto e il Museo “Isidoro Falchi” di Vetulonia.

Nuovi studenti australiani torneranno il prossimo inverno a conoscere e studiare la ricchezza del nostro patrimonio archeologico.
Info: https://www.facebook.com/AlbereseArchaeologicalProject/;
www.polouniversitariogrosseto.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.