Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gessi rossi: l’opposizione promuove il dibattito, ma ammonisce: «Non parliamo della Vallina»

GAVORRANO – È iniziata la prima fase del Dibattito pubblico sul futuro dei gessi rossi dello stabilimento Huntsman di Scarlino. In seguito al primo incontro, in programma questa mattina, sono intervenuti anche i rappresentanti della minoranza a Gavorrano, il Centrosinistra Bene Comune, che ha accolto «con favore il metodo di percorso partecipativo» appena iniziato.

«Da tempo abbiamo chiesto un dibattito pubblico sull’argomento – afferma Nicola Menale –, parteciperemo in modo attivo e offriamo la nostra massima disponibilità per studiare le proposte che verranno illustrate. Ci confronteremo e contemporaneamente avanzeremo la proposta da noi studiata».

Lo scorso anno, infatti, il gruppo consiliare aveva presentato una proposta per lo stoccaggio dei gessi rossi e dato vita a una prima serie di incontri nelle frazioni. Il primo incontro si era tenuto a Filare nel mese di marzo, frazione mineraria che ospita la cava della Vallina, uno dei siti in discussione per l’eventuale stoccaggio, «ma della cava della Vallina come sito di stoccaggio – sottolinea subito Menale – non siamo nemmeno disposti a parlare. Questo non vuole essere un no ideologico, ma per motivi strutturali la cava della Vallina non è proprio indicata. Secondo noi, invece, la cava della Bartolina ad oggi sembrerebbe il sito più indicato. La nostra proposta a riguardo, contiene tra l’altro un elemento innovativo, ovvero il trasporto dei gessi su rotaie anziché con mezzi pesanti come i camion. Questo potrebbe essere un’occasione per tutti e soprattutto garantirebbe un minor impatto. In ogni caso siamo ben disponibili ad ascoltare anche le altre e le nuove proposte».

Nei prossimi mesi i fattori tecnici ed ambientali verranno studiati nel dettaglio durante il dibattito che coinvolgerà tutte le parti fino a giungere alle conclusioni, previste entro il mese di ottobre. Nel frattempo si svolgeranno gli incontri pubblici, le discussioni con gli esperti e le analisi tecniche.

«Oggi questa sala è gremita –conclude Nicola Menale riferendosi alla partecipazione all’incontro di questa mattina – è un buon segno, anche se la maggioranza delle persone è “addetta ai lavori”. Ci auguriamo che i prossimi incontri abbiamo degli orari più consoni per dare modo a tutti i cittadini di partecipare. Secondo noi l’orario dovrebbe essere adeguato anche ai cittadini che lavorano, proponiamo infatti degli incontri serali per garantire una partecipazione maggiore».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.