Quantcast

Osservatorio astronomico, sarà ancora l’Amsa a far ammirare le stelle

GROSSETO – Rinnovata sino al 31 dicembre 2019 la convenzione tra Comune di Grosseto e Associazione maremmana studi astronomici per la gestione dell’osservatorio comunale.

Il luogo da cui è possibile ammirare le meraviglie dello spazio è stato costruito trent’anni fa dall’amministrazione con un investimento in località Casette di Mota nella frazione di Roselle.

La gestione della struttura è affidata dal 2010 alla pro loco di Roselle e all’Associazione maremmana di studi astronomici, realtà che raccoglie al suo interno operatori, ricercatori qualificati e personale dotato di adeguate conoscenze tecnico scientifiche.

“La valorizzazione del nostro territorio – spiega il vice sindaco e assessore alla Cultura e al Turismo, Luca Agresti – passa anche dalla buona riuscita di convenzioni come quella tra Comune, pro loco e Associazione maremmana studi astronomici. Dal 2010 a oggi il lavoro svolto dagli enti che hanno preso in cura la struttura di Roselle è stato ottimo. Siamo convinti sia importante proseguire lungo il solco tracciato e affinare il servizio per raggiungere punte di ulteriore eccellenza. L’osservatorio è un presidio scientifico che dà un valore aggiunto alla nostra terra. Un luogo affascinante che permette a chiunque di poter ammirare le stelle supportato da esperti del settore e strumentazioni di livello”.

L’Amsa continuerà dunque a essere responsabile delle attività didattiche e scientifiche dell’osservatorio, oltre che degli arredi e delle attrezzature contenute nella struttura e della complessiva manutenzione ordinaria.

Proseguirà dunque l’impegno nel tenere aperto al pubblico l’osservatorio tutti i venerdì, così come andrà avanti la proficua collaborazione con gli istituti scolastici che potranno giovare di visite guidate ad hoc, previa prenotazione.
Restano ancora a carico di Amsa pure formazione e accreditamento di terzi. L’associazione penserà anche alla divulgazione scientifica per studenti e insegnanti e all’organizzazione di viaggi d’istruzione e visite verso siti d’interesse astronomico.

“Da quest’anno – spiega l’assessore alla Pubblica istruzione, Chiara Veltroni – grazie alla stretta collaborazione con l’Amsa abbiamo attivato anche una serie di ulteriori progetti dedicati al coinvolgimento delle scolaresche e del mondo accademico. I giovani grossetani riceveranno nozioni base sull’astronomia”.
Entro il 30 marzo di ciascun anno l’Amsa sarà tenuta a inviare al Comune una relazione delle attività svolte con i corrispondenti dati quantitativi e qualitativi.

Commenti