Chiude la banca, il Comune non ci sta: «non possono essere i cittadini a rimetterci»

GAVORRANO – La filiale Monte dei Paschi di Gavorrano potrebbe chiudere. La notizia non è ancora stata ufficializzata, ma c’è chi già parla di una data precisa, il 31 gennaio 2017. Poco più di un mese insomma. E in attesa di una conferma ufficiale da parte della banca senese, in paese c’è preoccupazione e già in piazza e sui social network i residenti si lamentano per l’eventuale chiusura.

«La notizia che circola in paese, ancora non ufficializzata, della possibile chiusura della filiale del Monte dei Paschi nel capoluogo del Comune di Gavorrano ci coglie di sorpresa e ci lascia molto amareggiati». Commenta così il vicesindaco Giulio Querci quella che per ora è un’ipotesi che preoccupa l’amministrazione.

«Infatti è da poco che abbiamo rinnovato la convenzione per la tesoreria comunale proprio con MPS. Se così fosse confermato, ci troveremmo davanti l’ennesimo atto di prevaricazione nei confronti dei cittadini di Gavorrano e più in generale dei piccoli centri come il nostro. Questa amministrazione chiederà quanto prima un incontro con i responsabili dell’eventuale scelta per scongiurare la chiusura totale della filiale».

«Non possono essere i cittadini a pagare gli errori e le mancanze delle scelte nefaste fatte negli anni dai vertici della Banca e che sono emerse anche nelle cronache nazionali. Come abbiamo fatto per l’ufficio postale di Ravi, così faremo per la Banca di Gavorrano e per ogni altra situazione che si presenterà. Lotteremo con le poche armi date alle Amministrazioni locali. Perché senza servizi i Paesi muoiono lentamente e questo non possiamo accettarlo in silenzio. Non è a mio avviso accettabile neache che siano i cittadini a pagare gli errori di vertici inadeguati e soprattutto delle logiche del mercato capitalista che sempre più tende al profitto estremo e cerca lo stato solo in caso di necessità propria senza curarsi dei bisogni comuni

Commenti