Quantcast

La Maremma che eccelle: Elettromar festeggia i 35 anni e premia gli studenti migliori fotogallery

FOLLONICA – «35 anni, ogni giorno come se fosse il primo». Queste le parole scelte dall’Elettromar per riassumere l’impegno che in poco più di tre decenni ha portato l’azienda follonichese tra i leader nel suo settore, in Italia e a livello internazionale, nel campo della nautica e delle ferrovie.

«Quest’anno – ha detto Simone Turini, amministratore delegato di Elettromar – il nostro tradizionale appuntamento con la conviviale “Messa in servizio” assume un valore particolare perché festeggiamo i 35 anni di attività. come sempre anche quest’anno abbiamo voluto premiare i ragazzi delle scuole perché noi crediamo molto nelle risorse del territorio e nei giovani. Poi quest’anno abbiamo scelto una location bellissima come la Fonderia 1 che è il cuore della città e simbolo della sua storia».

E durante la serata Elettromar ha premiato gli studenti migliori del territorio e non solo con una borsa di studio da mille euro. A segnalare i ragazzi meritevoli sono state direttamente le scuole. Gli studenti che hanno ricevuto la borsa di studio quest’anno provengoo non soltanto dalla Maremma, ma anche dalla provincia di Lucca e sono: Fausto Brizzi dell’Iti Porciatti di Grosseto, Giacomo Galantini dell’ Iti Pacinotti d Piombino, Federico Muratori del Polo tecnologico Itis Fermi di Lucca e Elia Bianciardi del istituto Bernardino Lotti di Massa Marittima. 

Elettromar 35 anni 2016

Nella foto in alto da sinistra Simone Turini, Elia Bianciardi, Federico Muratori, Giacomo Galantini, Fausto Brizzi, Marianna Fratoni, Andrea Fratoni

Alla serata era presente anche il presidente della delegazione di Confidustria Toscana Sud Mario Salvestroni che ha annunciato la recente elezioni di Andrea Fratoni, vice responsabile acquisti di Elettromar come presidente del gruppo giovani imprenditori delle delegazione Grosseto.

Tra i presenti anche i sindaci di Follonica Andrea Benini e di Massa Marittima Marcello Giuntini e l’assessore Alberto Aloisi.

Commenti