Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rossi «Su Fondazione cultura polemica gratuita. Da Simiani pressapochismo e luoghi comuni»

GROSSETO – «Quando non si hanno argomenti convincenti, si sa, la polemica gratuita, priva di ogni logica e fondamento, offre sempre una valida via d’uscita dal silenzio». Fabrizio Rossi, portavoce provinciale di Fratelli d’Italia e assessore del Comune di Grosseto interviene sulla Fondazione Grosseto cultura. «C’è poi chi, come il segretario provinciale del Pd, Marco Simiani, a tutto questo mescola pressappochismo, luoghi comuni e necessità di non divenire un puntino irrilevante nel già deficitario mondo di un centrosinistra in difficoltà a Grosseto e non solo, dopo le ultime Amministrative. Matergi, Simiani e altri non si danno pace».

«Ma il troppo, è risaputo, “stroppia”. E leggere per settimane – su giornali e social – le continue esternazioni di chi ritiene di essere unico, inattaccabile e infallibile testimone della Cultura con la C maiuscola è davvero troppo – prosegue Rossi -. L’universo piddino, travolto dalla volontà popolare dopo un decennio disastroso alla guida della città, cerca di raccogliersi contro il nemico numero uno: la Fondazione cultura guidata da Francesco Mori. Rammento che il precedente presidente, prima della breve parentesi Chigiotti, era l’ex sindaco di Grosseto dei primi anni ’90, Loriano Valentini: nominato dal PD, non propriamente conosciuto per la sua carriera artistica o per i suoi trascorsi culturali».

 

«Ricordo altresì all’intellighenzia, iper autoreferenziale, quella abituata a cantarsela e a suonarsela da sé, ecco, a tutti lor signori ricordo che la cultura non è un “bene immobile” di proprietà Pd o di chi cerca di imporre agli altri, idee o ideologie discutibili fino a giungere ad attacchi pregiudiziali alla persona, attuale presidente e di conseguenza a questa amministrazione che lo ha designato – afferma Rossi -. Anziché criticare sul merito delle azioni, come sarebbe giusto e sacrosanto, c’è chi ha deciso di muoversi a priori, forte di un enorme e palese pregiudizio. È così che fioccano commenti e sberleffi sui social».

«È così che nascono dichiarazioni dai contorni grotteschi con esponenti autorevoli del Pd, Matergi e Simiani. Se c’è un’opera di demonizzazione è quella contro Mori e contro l’attuale amministrazione. Un’azione messa in piedi dalla loro parte politica e da quell’intellighenzia che ha vissuto al traino della vostra passata amministrazione. Insomma, quando non si hanno argomenti convincenti, quando ancora non esistono punti concreti cui appellarsi, sarebbe meglio tacere e magari lavorare sodo per offrire alla città una valida alternativa di governo. Si fa più bella figura. Cinque anni sono lunghi – conclude -: il tempo non vi mancherà».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.