Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Orti urbani «più concessioni e solo agricoltura biologica»: ecco le nuove regole

Più informazioni su

SANTA FIORA – Il consiglio comunale di Santa Fiora ha approvato il nuovo regolamento per l’assegnazione e la gestione degli orti urbani.

In tutto saranno una quindicina gli appezzamenti a disposizione dei cittadini e delle associazioni senza scopo di lucro.

“Gli orti urbani di Santa Fiora – spiega Alberto Balocchi, consigliere comunale – conosciuti anche come Orti di Fedro, sono concentrati sotto il paese, nel terziere di Montecatino. Oggi sono considerati una presenza degna di attenzione, sia per la loro storia che per il loro aspetto. I terreni in cui sono realizzati, infatti, dopo la scomparsa dell’ultimo proprietario, Fedro, erano rimasti incolti e in stato di abbandono. Seguendo un percorso di condivisione con i cittadini, nel 2010 l’amministrazione comunale, decise di recuperarli valorizzandone la vocazione agricola. Da allora, con bandi triennali, gli orti vengono assegnati ai cittadini che si impegnano a coltivare produzioni tipiche locali praticando agricoltura biologica”.

“Mantenere e valorizzare gli Orti di Fedro – continua Alberto Balocchi – è per il Comune di Santa Fiora un obiettivo importante, non solo perché questi orti caratterizzano il paesaggio e contribuiscono alla tutela della biodiversità, ma anche per il valore sociale e ricreativo che svolgono, che va ben oltre la funzione agricola e di sostentamento delle famiglie.”

“Con il nuovo regolamento l’amministrazione comunale, da un lato ha aggiornato i criteri di valutazione per la formazione della graduatoria, dall’altro ha fatto la scelta di frazionare ulteriormente i terreni, in modo da ridurre le dimensioni dei singoli orti ed accontentare un numero maggiore di richieste. La durata della concessione rimarrà di 3 anni e gli assegnatari dovranno versare al Comune un canone annuale corrispondente a 5 euro al mese”.

Il regolamento prevede una serie di obblighi per gli assegnatari, tra i quali quello di tenere il campo sempre in ordine e mai incolto, praticare agricoltura biologica, vigilare sull’insieme degli orti e segnalare eventuali anomalie all’ufficio comunale competente. Gli orti dovranno essere coltivati direttamente dall’assegnatario ed i residui vegetali dovranno essere trasformati in compost.

Il regolamento prevede, inoltre, che siano mantenuti sempre in buono stato e in ordine i ripostigli.

Nei prossimi giorni l’amministrazione comunale pubblicherà l’avviso con i termini entro i quali i cittadini e le associazioni senza scopo di lucro del comune di Santa Fiora, potranno presentare domanda per ottenere la concessione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.