Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Cia attacca: «Lo spesometro è un balzello inaccettabile»

Più informazioni su

GROSSETO – “Dopo le forti perplessità in merito all’introduzione dello spesometro, come Cia torniamo a ribadire la nostra totale contrarietà a questo che noi consideriamo un ennesimo “balzello” per il mondo agricolo. No dunque allo spesometro trimestrale per i piccoli produttori. Un ennesimo adempimento burocratico che va in direzione opposta alla semplificazione amministrativa e che quindi bisogna correggere o annullare”.

Lo afferma la Cia-Confederazione Italiana Agricoltori , in merito alla disposizione contenuta nel decreto fiscale che prevede l’obbligo della comunicazione trimestrale delle fatture di vendita e d’acquisto per tutti gli agricoltori titolari di partita Iva.

“Per la Cia infatti – così com’è, lo spesometro è inutile ai fini della lotta all’evasione fiscale; oneroso perché comporta un aggravio di servizio per le imprese; dannoso perché determina insofferenza fra i piccoli agricoltori e discredito nella Pubblica amministrazione costretta a un’attività obiettivamente vessatoria. Bene ha fatto la Camera a correggere la disposizione approvando un emendamento che esonera i piccoli agricoltori di montagna. Questa modifica, tuttavia, non è sufficiente. Il nostro auspicio -evidenzia la Cia- è che si faccia quanto chiesto da molti parlamentari nell’Ordine del giorno infine approvato dall’Aula, che impegna il Governo a “intervenire con atti successivi, al fine di sburocratizzare gli oneri previsti dalla Pubblica amministrazione”.

“D’altra parte- conclude il presidente Enrico Rabazzi – la Confederazione da tempo sostiene l’inutilità di tale adempimento in capo agli agricoltori che hanno un volume d’affari non superiore ai 7 mila euro e che sono esonerati dalla tenuta della contabilità Iva. I controlli sulle fatture possono essere eseguiti semplicemente analizzando i dati presenti nelle comunicazioni dei rispettivi fornitori e clienti. Inoltre, la periodicità trimestrale è un ennesimo onere rispetto alla già gravosa dichiarazione annuale oggi in vigore”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.