Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gli studenti del Leopoldo II di Lorena a scuola di volontariato con Acat

GROSSETO – Si è concluso ieri l’ottavo corso di sensibilizzazione all’approccio ecologico-sociale ai problemi alcolcorrelati e complessi, tenutosi a Grosseto dal 14 al 19 novembre.

Il corso è stato organizzato dall’ACAT (associazione club alcologici territoriali) insieme alla Confraternita della Misericordia di Civitella Marittima, all’AVIS Sticciano Stazione e in collaborazione con il CESVOT, con la supervisione e il coordinamento della UF Salute mentale e UF Dipendenze della USL Sud EST, sezione di Grosseto, e la Società della Salute-COESO Grosseto.

Nelle sei giornate di lavoro, intense e coinvolgenti, le alunne della classe Quarta A dell’indirizzo Servizi socio sanitari del Leopoldo II di Lorena hanno incontrato professionisti della salute e volontari del club che hanno condiviso con loro testimonianze di vita e appreso importanti indicazioni sulle azioni di supporto a uomini e donne di ogni età, condizione economica e ceto sociale scivolati nella dipendenza da bevande alcoliche in primis, ma anche da altre sostanze.

Con la guida degli specialisti, dott. Francesco Bardicchia, dell’UF Salute Mentale Grosseto USL SudEst, dott.ssa Carla Camici e dott. Giuseppe Corlito della Società della Salute-COESO di Grosseto, gli studenti hanno preso parte alle tavole rotonde, ai lavori di gruppo e partecipato attivamente e emozionalmente all’esperienza. Perché di esperienza si è trattato, non solo di ascoltare e prendere appunti ma di vivere il corso appieno, condividendo stati d’animo ed esperienze personali.

Per gli studenti che si stanno preparando a lavorare in ambito sociale e sanitario il corso ha rappresentato un alto momento di formazione professionale, ma soprattutto personale: essi hanno portato a casa una maggiore attenzione al problema delle dipendenze, all’approccio con coloro che ne sono vittima e la consapevolezza dell’importanza dell’impegno del singolo, che, partendo dalle proprie relazioni familiari o amicali, può agire nella società e favorire così la promozione della salute della comunità tutta.

Per maggiori informazioni sull’Istituto Professionale per i Servizi Socio sanitari si può contattare la sede al numero 0564.23564 e chiedere un appuntamento con la prof.ssa Beatrice de Gasparis, referente di indirizzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.