Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La protesta dei residenti: «Distruggono gli orti per costruire una strada per il Maremà» fotogallery video

Più informazioni su

GROSSETO – Questa mattina è toccato ai carducci, poi sarà la volta delle insalate, dei fichi d’india e degli alberi da frutto. La ruspa è entrata in azione stamani, e ben presto disferà orti e giardini che si trovano dietro via Cipro, tra le case e il fosso Salica. «Un polmone verde» così lo definisce Salvatore Gallotta, uno dei residenti della via.

Protesta: ruspe in via Cipro

Gallotta, come molti altri, su quel terreno demaniale (e dunque di proprietà pubblica) ha fatto un’orto. Per altri è un’area dove portare i cani a passeggio. A breve però quella lingua di terra diverrà una strada che unirà via Svizzera a la nuovo centro commerciale Maremà. «Negli anni l’abbiamo tenuta pulita – prosegue Gallotta – adesso in sette abbiamo iniziato l’azione legale per l’usucapione, cosa che potrebbero fare anche le altre 50 famiglie. È da maggio che chiediamo un incontro, al Demanio, alla Provincia e al Comune, sia la passata che la attuale amministrazione. Abbiamo chiesto incontri con gli assessori Fabrizio Rossi e Riccardo Megale, oltre all’ingegner De Bianchi. Abbiamo chiesto che venisse aperto un tavolo, ma non è servito a nulla. Anzi, per tutta risposta, è venuta la Polizia municipale a controllare, forse vogliono farci la multa per gli orti in area demaniale. Ma in 30 anni nessuno se ne è mai preoccupato».

La proposta dei residenti è di spostare la strada aldilà del torrente Salica, che è anch’essa area demaniale, e scavalcare il fosso Salica più in giù. Secondo Gallotta, pur essendo demaniale, l’area può essere usucapita a loro vantaggio. «Tra l’altro questa zona quando piove si allaga – prosegue Gallotta – qui avremmo una strada a dieci metri dalle abitazioni, e questo diventerebbe il tratto di massimo collegamento tra la città e il centro commerciale. Da avere un’area verde ci troveremmo una strada di grande traffico. Il Demanio si sarebbe detto disponibile a qualunque spostamento».

La ditta che ha vinto l’appalto, oltre alla strada, realizzerà, con lo stesso denaro, anche una pista ciclabile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.