Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caos Ato rifiuti, il sindaco di Suvereto rompe gli indugi: «Bloccare aumenti e servizio ai territori»

Più informazioni su

SUVERETO – Nella vicenda dell’Ato Toscana Sud, dell’arresto del direttore Andrea Corti e della gestione del ciclo dei rifiuti interviene il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi.

“Pur avendo sempre contrastato la logica dei grandi ambiti, anche dai banchi del consiglio comunale, – intervengono il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi e il vicesindaco assessore all’ambiente Jessica Pasquini – come amministratori ci siamo trovati sottoposti alla gestione di SEIToscana , in virtu’ della legge di riorganizzazione delle Ato voluta dalla Regione Toscana ed abbiamo sempre cercato le soluzioni alle necessità del nostro comune, scegliendo con coraggio l’estensione pressoché totale della raccolta porta a porta”.

“Travolti dagli eventi, abbiamo cercato di svolgere con responsabilità il nostro ruolo, – continua il sindaco – e all’ultima assemblea dell’Ato di venerdì 11 novembre, abbiamo acconsentito alla nomina di un direttore pro-tempore (l’ing. Enzo Tacconi) che traghettasse l’ente in questo momento delicato.”

Nei giorni successivi si scopre che questo nome, indicato dal presidente dell’assemblea Ato nonché sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, d’intesa con la presidenza del consiglio direttivo Alessandra Biondi sindaco di Civitella Marittima, è citato nelle indagini in modo allarmante. Le presidenze dell’Ato e del consiglio direttivo, oltre ad aver omesso di dire che il Tacconi era stato responsabile del procedimento nella procedura di evidenza pubblica per l’assegnazione del servizio di gestione integrata dei rifiuti (gara ritenuta dagli inquirenti truccata dalle azioni di turbativa e corrotte degli accusati) , non hanno messo l’assemblea nelle condizioni di valutare il profilo della persona.

Del nuovo direttore il Giudice per l’indagini preliminari scrive nell’ordinanza: “La gratitudine verso il professore con cui si era laureato (Corti Ndr), che l’aveva introdotto nel settore pubblico agevolando la sua assunzione spiega la totale sottomissione del Tacconi alle volontà del Corti». E ancora, sempre secondo il Gip, il direttore generale agli arresti avrebbe «diretto» quello che ora è il suo successore «in modo continuativo, usandolo come schermo per dare veste di correttezza formale alle decisioni adottate nella gara d’appalto ed ai pagamenti che si era auto-attribuito”.

“E’ evidente come la concentrazione dei servizi e l’ingigantimento delle aree” commenta il vicesindaco Pasquini “abbia annullato il potere di controllo dei comuni favorendo il malaffare. Chiediamo che la regione Toscana, invece di proseguire con politiche accentratrici (è notizia di questi giorni la volontà del presidente Enrico Rossi di costituire un unica Ato regionale rifiuti) commissari l’AtoSud e fornisca ai territori gli strumenti per ri-organizzare in modo giusto e democratico il servizio.”

“Alla luce di questi fatti, pur non risultando ad oggi l’ing. Tacconi indagato, ma avendo lui, i presidenti Ghinelli e Biondi omesso informazioni importanti all’assemblea dei sindaci” – conclude Parodi – abbiamo chiesto attraverso lettera ufficiale la convocazione d’ urgenza dell’ assemblea di ATO Sud che discuta : la revoca dell’incarico a Tacconi, le dimissioni dal loro ruolo ai 2 sindaci promotori del nuovo direttore, il congelamento, come autotutela verso i comuni e i cittadini stessi, dei piani finanziari e di qualsiasi tipo di aumento riportando le tariffe ai livelli pre-gara, visto che i costi attuali del servizio potrebbero essere alterati dalla turbativa nella gara.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.