Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tra scrittura in corsivo abbandonata e sviluppo della mente: arriva il seminario on-line

Più informazioni su

GROSSETO – “Senza corsivo si spegne il cervello (corsivo vs stampatello vs digitale: pro e contro)”. Arriva il seminario on line, mercoledì 16 novembre, in cui si parlerà del rapporto tra scrittura in corsivo e funzioni mentali superiori è fondamentale per lo sviluppo della mente.

“Grazie alle preziose risorse che entrano in gioco, – scrive Annarosa Pacini, pedagogista, grafologa, giornalista, studiosa da anni impegnata in una costante ricerca sul campo – proprio l’apprendimento del corsivo ci consente di utilizzare al meglio caratteristiche (dal pensiero critico alla memoria di lavoro) indispensabili nella vita di ogni giorno. Non scrivere in corsivo o addirittura non impararlo può influenzare in modo negativo molti aspetti del processo di apprendimento e dello sviluppo emozionale e metacognitivo. Come scrivere in corsivo può aiutarci anche da adulti, non acquisire in modo adeguato questa fondamentale abilità grafomotoria in età scolastica può influire molto sulle nuove generazioni e sulle loro possibilità.

“La grafologia e la scrittura – aggiunge Pacini, che terrà il webimar – sono parte essenziale del mio lavoro di formatrice e counselor, che offre un punto di vista privilegiato. Spesso si guarda alla scrittura semplicemente come un mezzo accessorio. E’ invece un elemento fondamentale per l’evoluzione individuale. La sempre maggiore difficoltà che molti, giovani e non, incontrano nello scrivere in corsivo, è un segnale e un sintomo.

Memoria, pensiero critico, valutazioni metacognitive, comunicazione intrapersonale e interpersonale, tutto è collegato alla scrittura e alla nostra mente. La diffusione e il progresso delle nuove tecnologie aprono le porte a straordinarie possibilità. Come appassionata e studiosa di nuove tecnologie sono assolutamente favorevole all’integrazione tra vecchio e nuovo, ma non si può pensare di costruire un palazzo cercando di evitare di preoccuparci della costruzione delle fondamenta. La scrittura in corsivo e lo sviluppo grafomotorio sono due pilastri portanti delle fondamenta dello sviluppo dell’essere umano. L’utilizzo del corsivo stimola anche il cervello adulto, ancor più può sostenere lo sviluppo delle giovani menti”.

L’adozione dello stampatello o dello script e l’abbandono dell’insegnamento della scrittura in corsivo sta diventando una realtà sempre più diffusa, su scala mondiale, con conseguenze ancora difficilmente valutabili, nella loro complessità.

Molti studi dimostrano però come tali effetti non siano positivi, e coinvolgano l’intero processo di apprendimento dell’essere umano, sino allo sviluppo delle funzioni cerebrali più complesse.

“Non solo – afferma Pacini – la mancata evoluzione della grafia attraverso modelli personali nasconde molti segnali di disagio, che, invisibili e quindi “inascoltati”, restano spesso irrisolti, segnando così anche il percorso di maturità emozionale e relazionale. In tal senso, disortografie e disgrafie non sono sempre ciò che sembrano. Il seminario è rivolto a tutti coloro che sono interessati all’argomento, anche per se stessi, e, in particolare, a genitori, insegnanti, educatori, e a chi ha a cuore la formazione delle nuove generazioni”

La prossima edizione del webinar si terrà il 16 novembre, dalle 20,45 alle 22. Partecipare al webinar è facile, basta collegarsi via Internet all’aula virtuale e seguire la lezione in diretta, via computer, tablet, smarthphone, video o audio. E’ previsto uno spazio di approfondimento dedicato alle domande dei partecipanti. E’ possibile iscriversi anche direttamente on line. Per informazioni: 3396908960 – info@grafologiaevolutiva.it

Programma completo e approfondimenti su: www.grafologiaevolutiva.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.