Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Quattro anni dopo l’incubo il fiume Albegna è più sicuro

Più informazioni su

ALBINIA – L’argine remoto sul fiume Albegna terminato a settembre, l’adeguamento degli argini sul Magione Radicata a buon punto. E’ il bilancio del sopralluogo fatto oggi dall’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni sui luoghi colpiti dall’alluvione che nel 2012 sconvolse la Maremma e sulle opere realizzate dalla Regione per mettere in sicurezza e ridurre il rischio idrogeologico di queste aree.

“Domani sarà il quarto anniversario di quei tragici eventi – ha detto Fratoni accompagnata dal presidente e dai tecnici del Consorzio di Bonifica Toscana sud, dal consigliere regionale Leonardo Marras, dal consigliere del Comune di Orbetello Ivan Poccia e dai tecnici del Genio civile con l’ingegner Renzo Ricciardi – il pensiero corre alle vittime e a tutta la popolazione che ha subito danni. Ma oggi verifichiamo che l’argine remoto è stato concluso, il collaudo sarà fatto a marzo. Che le opere sul Magione Radicata stanno procedendo a ritmi serrati nel rispetto della tabella di marcia. Siamo soddisfatti. La Regione ha lavorato molto e bene da subito, grazie anche al supporto del territorio con il quale in questi anni siamo riusciti a stabilire un rapporto costruttivo e stimolante”. Sul posto c’erano anche i rappresentanti dei comitati alluvionati, l’associazione Vita e il comitato Il Ponte.
Seconda tappa della lunga giornata di incontri, i balneari dell’Osa Albenga. Obiettivo, fare il punto sul tema dell’erosione costiera e sulle attività di progettazione per la realizzazione di interventi strutturali per una difesa duratura del litorale.

“Il tema dell’erosione è prioritario – ha spiegato Fratoni – perché la difesa della costa rientra nella riduzione del rischio per la popolazione oltre che nella protezione e la valorizzazione del litorale. Non a caso questi interventi rientrano nel Documento operativo che destina 40 milioni complessivi a livello regionale per la mitigazione del rischio. Per quanto riguarda le opere su questo litorale, abbiamo già individuato risorse per studi preliminari e analisi indispensabili per gli interventi mirati. Monitoriamo in modo costante l’evoluzione del fenomeno e in questo è e sarà fondamentale la collaborazione degli operatori locali”.
Il Genio Civile Toscana Sud ha recentemente autorizzato tre proposte di ripascimento da parte di privati lungo il litorale di Orbetello, in virtù della legge regionale 80 del 2015 che contempla questa possibilità.

Dall’Albegna alla Laguna di Orbetello, dove Federica Fratoni ha incontrato rappresentanti del consorzio dei pescatori alla vigilia della scadenza dell’Accordo tra Regione, Provincia di Grosseto, Comune di Orbetello per la gestione integrata del sistema lagunare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.