Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giubileo della Misericordia: si conclude domenica con la chiusura della Porta Santa

Sospese le Messe pomeridiane nelle chiese della Diocesi Mons. Cetoloni indosserà la casula usata nel 1989 da Giovanni Paolo II nella sua storica visita a Grosseto e che egli volle donare alla parrocchia della Santa Famiglia. Sull’altare il calice che il Pontefice regalò alla Diocesi, il paliotto e i candelieri utilizzati per la Messa che fu celebrata allo stadio

GROSSETO – Il 13 dicembre 2015, alla presenza di oltre duemila fedeli, il vescovo Rodolfo aprì solennemente la Porta Santa in Cattedrale, dando, così, inizio, al Giubileo della Misericordia; il 13 novembre prossimo il presule presiederà la Messa di ringraziamento e chiuderà la Porta Santa, gesto che segna la conclusione di questo Anno Santo straordinario.

La celebrazione avrà inizio alle 17 direttamente in Cattedrale, dove il vescovo Rodolfo presiederà la solenne concelebrazione eucaristica di ringraziamento, assieme ai sacerdoti, ai diaconi e a tutto il popolo di Dio. Per tale ragione il Vescovo ha disposto che siano sospese le Messe pomeridiane in tutte le chiese della diocesi, affinché l’attenzione e la presenza di tutti convergano verso la Cattedrale.

“Al termine della Messa – spiegano dall’ufficio liturgico diocesano – saremo tutti invitati ad uscire dal Duomo. L’ultimo ad uscire sarà il Vescovo, che chiuderà ufficialmente la Porta Santa”.

Proprio per dare il senso di uno “stacco” rispetto all’abitudine fatta in questo anno di vedere sempre spalancata, durante il giorno, la Porta Santa, il portale di destra della Cattedrale resterà chiuso per una settimana.

Sono stati centinaia e centinaia i fedeli (difficile fare un conto), venuti singolarmente o in gruppi a celebrare il Giubileo in Duomo, cogliendo la grande novità introdotta da Papa Francesco per l’Anno della Misericordia: il fatto di avere la Porta Santa in ogni diocesi, consentendo a chiunque ed in qualsiasi momento di poterla “passare”, compiendo i riti richiesti e che l’ufficio liturgico diocesano ha ben descritto nel sussidio di preghiera realizzato in diecimila copie e collocato ai due lati della Porta (oltre che consegnato nelle parrocchie), proprio per dare modo a chiunque lo desiderasse, di vivere il pellegrinaggio alla Porta della Misericordia come un momento di preghiera e di conversione per ottenere l’indulgenza. Tutto ha, sicuramente, contribuito a facilitare la preghiera. A partire dalla visibilità che la Porta Santa ha avuto in questi mesi, grazie, in particolare, alle due piante che ornano i lati del portale, ma soprattutto al grande manifesto collocato sopra di esso, nel quale è stato riprodotto il dipinto di Rembrandt “Il Padre misericordioso”, nel quale si vede l’anziano uomo piegato sul giovane figlio, lacero e sporco, senza calzari e senza più dignità, che egli riveste di bellezza abbracciandolo.

Nel corso di questo Anno giubilare il vescovo Rodolfo ha aperto, per periodi più brevi, altre due Porte Sante: la domenica delle Palme la Porta della cappella dell’ospedale Misericordia; ad aprile la Porta della pieve di san Martino a Batignano, dove è custodito il corpo del venerabile p. Giovanni Nicolucci da san Guglielmo, scelto dalla diocesi come “testimone della misericordia”.

Domenica 13 novembre animeranno la Messa il coro della Cattedrale, assieme alla corale Gaudete e alla corale Puccini, diretti da Luca Bernazzani, responsabile del settore musica sacra dell’ufficio liturgico diocesano. All’organo il maestro Francesco Iannitti Piromallo, mentre la musica sarà arricchita da archi e fiati, che conferiranno ulteriore solennità al momento.

Per l’occasione il vescovo Rodolfo indosserà la casula che indossò san Giovanni Paolo II per la Messa da lui celebrata allo stadio comunale in occasione della sua storica visita alla Diocesi di Grosseto, il 21 maggio 1989 e che egli volle donare alla parrocchia della Santa Famiglia, che la custodisce da 27 anni. Il Vescovo utilizzerà anche il calice che il Pontefice regalò, sempre in quella circostanza, alla Diocesi, mentre l’altare sarà impreziosito dal paliotto e dai candelieri usati nel 1989 per la Messa allo stadio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.