Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Grosseto sempre più “Grande Fratello”: 17 nuove telecamere in azione contro la criminalità

Sicurezza urbana, installate 17 nuove telecamere. Sei di queste nell'area del Misericordia. Strumenti per monitorare il territorio e supportare chi sporge denuncia in seguito a molestie o presunte estorsioni

Più informazioni su

GROSSETO – Ben sei telecamere a circuito chiuso presidieranno le zone chiave attorno all’ospedale Misericordia. Si tratta di aree continuamente segnalate dai cittadini per ripetuti episodi di molestie, sino a presunte estorsioni. Situazione che è andata man mano aggravandosi rendendo indispensabile un giro di vite. Gli occhi elettronici saranno operativi già dalle prossime ore.
“Nostro compito – spiegano il sindaco e l’assessore alla Sicurezza – è quello di garantire la buona qualità della vita dei cittadini.

Chiunque deve essere nelle condizioni di potersi muovere serenamente in città e nelle frazioni, figuriamoci poi in luoghi, come l’ospedale, che meritano ancor più rispetto”.

Ma attenzione, le telecamere acquisiranno immagini visionabili solo dalle autorità preposte. E per far sì che queste possano accedervi è indispensabile che i cittadini facciano la loro parte: “Chiediamo a chi viene molestato  – proseguono sindaco e assessore – di denunciare il fatto alle forze dell’ordine così che queste possano utilizzare le immagini riprese dalle telecamere e allegarle ai verbali”. Gli occhi elettronici sono, dunque, a tutti gli effetti non solo un deterrente per i male intenzionati, ma anche e soprattutto un supporto ai cittadini onesti. “Abbiamo bisogno – concludono – del vostro sostegno, della vostra collaborazione. Possiamo stroncare il fenomeno dell’abusivismo e dare un’impronta di legalità e sicurezza al capoluogo. Ma dobbiamo farlo tutti. Insieme”.

Oltre a quelle previste nella zona del Misericordia il Comune ha installato altre 11 telecamere sparse tra città e frazioni. La stragrande maggioranza di queste è ottimizzata per la lettura delle targhe e posizionata in luoghi strategici per il traffico veicolare. Tutti questi apparecchi sono già collegati alla centrale operativa della polizia municipale e costantemente visionati dal personale in divisa.
Obiettivo è dare ancora più strumenti agli organi preposti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.