Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Chiusura di Iside, il Partito comunista loda Vivarelli Colonna e attacca il Pd

Più informazioni su

GROSSETO – «Dopo 10 anni di governo del PD a Grosseto in cui sono state attuate politiche di esternalizzazioni e privatizzazioni dell’Amministrazione pubblica, la giunta, la maggioranza di centrodestra riporta i servizi educativi Iside a gestione diretta». Il Partito comunista italiano interviene su Iside.

«E’ incredibile che quelli che dovevano rappresentare anche qualcosa di sinistra abbiano privatizzato i servizi educativi e chi come il centrodestra avrebbe dovuto cercare politiche neoliberiste, invece, ha riportano a gestione pubblica i servizi – prosegue il Partito comunista italiano -. E’ il caso di dirlo e ripeterlo affinché anche nei piccoli paesi sappiano che cosa è il PD. Il PD è un partito che ha preso la propria direzione sempre più lontana dalla sinistra più moderata, ormai, è un partito neoliberista che attraverso Renzi ha avuto una ulteriore accelerazione verso politiche nefaste per i cittadini, per i lavoratori e per gli enti pubblici stessi».

«Il centrodestra di Grosseto chiude Iside, perché, come dicevamo noi Comunisti italiani e come abbiamo più volte ripetuto in quegli anni, i costi sono più bassi con la gestione pubblica, perché c’è più trasparenza nella gestione e perché i servizi come la scuola e la sanità devono essere pubblici – continua la nota -. In quegli anni facemmo una grande battaglia, che potete ritrovare su internet con articoli e interviste in cui fummo appoggiati e sostenuti da una parte del sindacato in modo particolare la Cgil. Sapevamo che era una scelta, quella della privatizzazione, sbagliata e non accettabile e sia Marco Barzanti (assessore), che Fiorenzo Linicchi (consigliere comunale) fecero ogni tipo di sforzo per impedire l’esternalizzazione».

«Oggi, a distanza di anni lo diciamo ad alta voce, ancora una volta come sulla gestione dei rifiuti, dell’inceneritore, dell’autostrada, le privatizzazioni della Provincia come autovelox e sistema informatico, avevamo ragione noi comunisti. Un grazie a questa amministrazione e al suo sindaco Vivarelli Colonna per aver riportato a gestione e controllo diretto i servizi educativi – conclude -, mostrando indipendentemente dalle nostre differenze politiche la ricerca e la salvaguardia del ruolo pubblico. Ancora una volta il Partito Democratico ha mostrato il suo vero volto e ha dimostrato tutti i suoi limiti culturali nella gestione pubblica».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.