Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sciopero generale dei dipendenti di Poste italiane contro il rischio privatizzazione foto

Più informazioni su

GROSSETO – Una giornata di sciopero «Per fermare la privatizzazione di Poste Italiane e difendere il nostro futuro». I sindacati dei lavoratori di Poste il 4 novembre scenderanno in piazza nei capoluoghi di regione per dire no alla decisione del Consiglio dei ministri di quotare in borsa un ulteriore 29,7% a breve distanza dal primo collocamento azionario di oltre il 30% effettuato ad ottobre 2015 oltre al conferimento a Cassa Depositi e Prestiti del rimanente 35% del capitale, con l’uscita definitiva del Ministero dell’Economia dall’azionariato di Poste Italiane.

«Quando è stato privatizzato il primo 30% – afferma Vito Romaniello segretario regionale SLP Cisl – ci hanno garantito che ce ne sarebbero state altre e che la governance sarebbe rimasta saldamente in mano allo Stato. La prima fase è stata però utilizzata per risanare il debito pubblico invece di fare investimenti. La privatizzazione porterà a pensare solo al profitto, con danni per i cittadini, specie nei piccoli centri, per cui le poste sono spesso una finestra sul mondo».

Generica

Per Graziano Benedetti della SLC Cgil uno dei problemi di affrontare è anche il mancato tourn-over «Chiediamo al Governo di ritirare il decreto per la privatizzazione». «Questa è un’azienda che continua ad avere un avanzo di bilancio» precisa Luigi Ferraro della Failp Cisal «Si parla di 1500 milioni di attivo a fine anno – precisa Loriano Orlandini della Confasal.com – se non riusciamo a bloccare la privatizzazione sarà difficile anche bloccare tutti gli altri problemi, tra cui l’apertura a giorni alterni».

«In provincia sono rimasti 97 uffici – ricorda Claudio Capolongo Ugl-Com – solo otto anni fa erano 130». Secondo i sindacati il Governo ha al momento sospeso il provvedimento solo in attesa del Referendum. Il 4 novembre a restare aperti solo cinque uffici postali in Maremma: quello di Arcidosso, Manciano, Orbetello, Follonica e Grosseto centro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.