Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Crisi del grano: continua la battaglia Cia. Domani, 25 ottobre, doppio appuntamento

La confederazione

Più informazioni su

GROSSETO – “Mai un giorno senza lottare per i diritti dei nostri agricoltori. E’ questa la missione della Cia ed è ciò che stiamo facendo in merito alla crisi del grano”. Enrico Rabazzi vice presidente regionale e presidente grossetano Cia torna a parlare di uno dei temi caldi del settore e tranquillizza coloro che temevano che l’Associazione avesse abbandonato la questione.

“Il nostro impegno per una giusta remunerazione per i cerealicoltori da una parte e per garantire grano salutare ai consumatori dall’altra – precisa Rabazzi – parte da lontano. Abbiamo fatto incontri con la politica, con gli industriali della pasta con i consumatori, abbiamo fatto convegni e incontri. Quest’estate in collaborazione con Agrinsieme,  Cia Toscana ha organizzato un presidio proprio a Grosseto contro la caduta libera del prezzo del grano e contro l’arrivo e l’uso di grano dalla dubbia salubrità. Hanno fatto seguito iniziative come quella di Pisa, organizzata a fine settembre da Cia Toscana per parlare di crisi del grano e sana alimentazione.

Abbiamo accolto positivamente le azioni del Ministero presentate alla filiera con il fondo da 10 milioni di euro inserito nel decreto legge enti locali. Tuttavia la strada è ancora lunga e in salita. Per questo domani, 25 ottobre, mentre Cia Toscana darà vita a un ennesimo presidio, questa volta all’uscita  della Siena-Bettolle, a Roma in contemporanea  Cia ha organizzato una giornata dedicata al settore cerealicolo. Vogliamo interventi e risposte urgenti: è necessario che il prezzo del grano torni almeno ai 30 euro al quintale cifra minima per poter continuare a lavorare; chiediamo contratti di filiera seri che garantiscano la ridistribuzione dei guadagni e soprattutto pretendiamo che venga indicata la provenienza del grano contenuta nel prodotto che si porta in tavola. 

Vale ricordare- conclude il vicepresidente regionale- che l’Italia ha vietato l’uso del glifosato in pre-raccolta ma non tutti gli altri paesi sono così virtuosi. E’ il caso di paesi che soffrono di climi umidi e che lo usano per essiccare il grano, grano che poi finisce nei nostri prodotti. Per questo pretendiamo che i controlli vengano fatti al momento dell’arrivo nei nostri porti e non in un secondo momento; vogliamo inoltre che le etichette indichino in modo chiaro e comprensibile  la provenienza della materia prima, nessun blocco all’importazione dunque  ma il cittadino ha il diritto di sapere la percentuale di grano italiano contenuta nel prodotto e quella straniera. Sarà poi lo stesso consumatore a scegliere. Sicuri della qualità e della salubrità del nostro grano siamo certi che in tavola si opterà per un prodotto non solo gradevole al palato ma soprattutto non nocivo alla salute.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.