Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Centro democratico sta con il Sì: nati due comitati in provincia. Vagaggini e Chiavetta presidenti

GROSSETO – Il Centro Democratico dell’onorevole Bruno Tabacci, coordinato al livello provinciale da Gianfranco Chelini, sostiene con forza la spinta referendaria promossa dal presidente Matteo Renzi.

In provincia, infatti, si sono costituiti due comitati per il Sì, uno del capoluogo e zona Nord, l’altro della zona Sud, presieduti rispettivamente da Marco Vagaggini e Mario Chiavetta.

Sono due comitati numerosi e ben articolati nella società civile: si annoverano nei comitati persone provenienti dal mondo cattolico, dal volontariato, dall’imprenditoria, ma anche dal mondo civico e sindacale.

I suoi organismi direttivi sono formati per la zona Nord da Marco Vagaggini, Gianfranco Chelini, Giovanni Balloni, Franco Rapezzi ,Luca Ricciardi e per la zona Sud da Mario Chiavetta, Giulia Pipi, Gianluca Gozzo, Gianluca Mazzuoli.

I Comitati, ben presenti e radicati sul territorio, promuoveranno un evento congiunto il 5 Novembre alle ore 11,00 presso l’ Hotel Airone alla presenza dell’ On.Buno Tabacci, dell’On. Dario Parrini, dell’On. Luca Sani e del segretario provinciale del centro democratico Gianfranco Chelini

Durante la manifestazione saranno esposte le ragioni che hanno spinto il Centro Democratico maremmano a sostenere con forza questa riforma epocale per il nostro Paese, una riforma per anni sperata, ma mai attuata da nessuna classe dirigente nazionale, una riforma ormai improcrastinabile e necessaria per la modernizzazione e semplificazione del paese.

Il Centro Democratico di Grosseto, con l’iniziativa del 5 novembre inizia la campagna elettorale referendaria che lo vedrà impegnato anche con iniziative di incontri nei singoli Comuni della provincia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.